Home / Kramers – Warum Warum Ist Die Banane Krumm? – The Prisoner Records 2012 (di Elisa Seri)

Kramers – Warum Warum Ist Die Banane Krumm? – The Prisoner Records 2012 (di Elisa Seri)

Sono giovani, cattivi, dagli occhi piccoli e gialli di strafottenza, vogliono divertirsi e mangiare hamburger ma farlo a modo loro e sanno come farlo; sono loro stessi, sono dispersivi, sanno immaginare e far volare immaginando di planare, di essere rinchiusi in una blolla di chewingum dallo psichedelico colore cangiante ma dal sapore più classico di tutti il “cinnamon”, il più classico tra i ragazzacci senza regole, ti sorprendono in continuazione: appena credi che sia finita ecco lì servita l’ennesima prova di ingegno, mai eccessiva, alle volte fastidiosa ma certamente in pieno stile Kramers…che stile poi? non che non ne abbiano, ma è tanto incantevole la loro percezione di realtà quanto l’inafferabilità della sua forma, per somigliare così poco agli artisti che li hanno preceduti devono per forza esser poter definiti in qualcosa di contenuto, di musica se n’è fatta tanta; invece loro ti smentiscono ogni volta che provi a rinchiuderli in una parola troppo stretta.
Poco più di 40 minuti di distorsioni del classico in chiave jazz con travolgenti ritmi elecrtical dance in cui questi 5 ragazzi ti prendono per mano e ti fanno vedere il loro mondo, o almeno, come lo vedono loro, come lo vivono loro; è un Lp che ti fa divertire, si sente vibrante l’energia giovanile che vi è stata registrata, ancor prima delle note.
Ci sono tracce odiose, volutamente invasive, in fondo i ragazzi lo fanno da sempre: prendersi con le unghie lo spazio per fare quello che vogliono, strapparlo via a già troppo vecchie cariatidi; una volta poi ottenuta la tua attenzione cosa fanno? ti offrono un gustoso hamburger e una gomma alla cannella.
Speriamo che non sia stata la loro storia travagliata (almeno come band) che li ha portati a tanto ecletticismo, perchè lo fanno davvero bene; speriamo che questa non sia che una delle sfaccettature di quello che possono immaginare i Kramers che, a mio avviso, hanno anche trovato il nome perfetto che li porta ad essere il legame tra la parte reale e la parte immaginaria di quella cosa complessa che è il presente*.
_\m/
TRACKLIST
1. The Day I Walked Down The Street
2. Girl Who Came From Nowhere
3. Another Pop Song You Can Dance With Your Friends
4. My Speed Love
5. Hamburger Vs Kebab
6. She’s So Flute
7. Dharmabeat
8. La Dance
9. 123456789
10. It’s Time To Close Your Eyes


Un ringraziamento speciale a UNOMUNDO Promo Agency

*In matematica ed in fisica la relazione di Kramers-Kronig lega la parte reale e la parte immaginaria di una funzione analitica complessa.


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!