Home / Fairport Convention + Folkroad live @ Jailbreak (testo e foto di Mario Cordaro)

Fairport Convention + Folkroad live @ Jailbreak (testo e foto di Mario Cordaro)

La line-up concertistica della capitale vede riproporre, dopo più di trent’anni, un festival interamente dedicato al folk rock inglese, irlandese, scozzese e quanto altro: la cornice del Way To Blue Festival è il Jailbreak e l’occasione è più unica che rara, in quanto i Fairport Convention festeggiano i quarantacinque anni di attività; a questo proposito Simon Nicol, il chitarrista/cantante, ci riporta indietro nel tempo ricordando al pubblico, e a chi non poteva esserci per ragioni anagrafiche, “è dal 1969 che non veniamo a Roma”.
Andiamo con ordine però: l’apertura è affidata ai Folkroad, sestetto proveniente da Latina, i quali ripropongono in una veste colorata e molto giocosa (merito anche del violino e della fisarmonica) delle arie scozzesi (tra cui Gipsy Lady in chiusura) e irlandesi, alternandole con delle polke, e un pezzo unicamente eseguito con l’arpa celtica. Il pubblico mostra di gradire la proposta, e non passerà molto tempo per sentire i primi battiti di mani accompagnare i pezzi fino alla chiusura di questa mezz’ora di concerto. Decisamente preparati e coinvolgenti, sarei curioso di vederli in occasioni ancora più “popolari” e con più spazio a disposizione (scommetto qualsiasi cosa che, se non ci fossero stati dei tavolini vicino ai posti a sedere, la gente si sarebbe mossa molto di più).
Decisamente promossi quindi.
Un veloce cambio palco, e la storia del folk rock a nome Fairport Convention si presenta in scena: il quintetto inglese ha trovato finalmente una formazione fissa da una decina d’anni a questa parte, e la stabilità di quest’ultima si rifletterà pienamente nella scorrevolezza e professionalità dello show.

I nostri ripropongono molti pezzi tratti dai loro primi album, compensando la mancanza delle female vocals con un coro a due o a tre voci, a seconda del brano in questione. Momenti eterei e quasi, oserei dire, pastorali si sono alternati ad altri più duri, e obiettivamente “rock”, riuscendo così a tenere alta l’attenzione anche quando il mood era indubbiamente più rilassato (e anche in questo si vede l’esperienza di una band). 
Anche in questa occasione l’apprezzamento del pubblico, con i relativi battiti di mani, non è certo mancato, e il tutto ha contribuito alla buona riuscita del concerto, gradevole sotto tutti i punti di vista: esecuzione impeccabile, buona acustica (per chi ricorda il vecchio Jailbreak, come me, il balzo in avanti è notevole), ambiente gradevole. Insomma, serata particolarmente riuscita… ottimo antipasto mentre aspettiamo quest’estate e la riproposizione dello storico concerto a Villa Pamphili del 1979, nell’ambito sempre di questo festival. 

Songlist:

Sir Patrick Spens
Crazy Man Michael
Walk A While
Farewell To A Poor Man’s Son
Albert & Ted
John Gaudie
Mercy Bay
Fotheringay
Cell Song
Jewel In The Crown
Rosie
Danny Jacks Reward
Hiring Fair
Hexamshire Lass
Genesis Hall
Matty Groves
Meet On The Ledge


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!