Home / Om live @ Circolo degli Artisti (testo e foto di Mario Cordaro)

Om live @ Circolo degli Artisti (testo e foto di Mario Cordaro)

Non penso di fare una grande scoperta affermando che esistono proposte musicali indubbiamente non adatte al grande pubblico, per natura e sound o anche solo per contenuti trattati. Tra queste possiamo sicuramente annoverare gli Om, duo statunitense formato da Al Cisneros (fondatore degli Sleep, e membro anche degli Shrinebuilder) al basso/voce, ed Emil Amos alla batteria. I due dal vivo vengono supportati anche da Robert Lowe (non il cantante dei Solitude Aeturnus e Candlemass, trattasi di omonimia), il quale si occupa di tutto il resto: chitarra, percussioni, tastiera, sybnth vari evoce aggiuntiva.
La songlist del breve concerto (diversamente dalle famose cinque ore di live in Gerulamemme del 2007) si concentra soprattutto sull’ultimo disco God Is Good (Drag City, 2009), in quanto la band lo esegue quasi per intero; il set comincerà però con Sinai, brano tratto dal nuovo, imminente, album Advaitic Songs.
Le luci soffuse dell’ottimo palco offerto dal Circolo degli Artisti aiutano ad entrare nel mood della serata: il basso ridondante e dall’incedere pachidermico satura l’aria del locale, mentre il pubblico assiste in rispettoso silenzio (o quasi), e la batteria crea, attraverso frequenti cambi di tempo, contrasto sonoro sufficiente a non rendere il tutto soporifero. Davvero un atmosfera lisergica/surreale, sulla quale Cisneros recita e sussurra i suoi mantra, mostrando come sia possibile fondere, in maniera efficiente, suggestioni psichedeliche e un sound heavy.
La ricerca, da parte della band, del “perfetto riff mantrico” va avanti per poco più di un’ora: davvero troppo poco per saziare la fame acustica della platea, vista anche la mancanza di bands spalla. 
Non a caso, presumo, negli attimi successivi al concerto Cisneros si mostrerà leggermente irritato ai fans accorsi da lui per avere qualche autografo. Solo una coincidenza oppure è capitato a Roma nella sua giornata storta? Lasciamo il beneficio del dubbio, e chiudiamola qui…
Un ringraziamento speciale al Circolo degli Artisti per averci ospitato durante questo evento.
 
Tracklist:

Sinai
Meditation Is The Practice Of Death
Rays of the Sun – To The Shrinebuilder
Gebel Barkal
Cremation Ghat I
Cremation Ghat II
Encore: Bhima’s Theme


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!