Home / Dischi / Death by Pleasure – Waited, Wasted – 2012, Mashhh! records (di Stefano Capolongo)

Death by Pleasure – Waited, Wasted – 2012, Mashhh! records (di Stefano Capolongo)

Un’esplosione: questa isolata immagine può ben definire cosa suscita l’ascolto di Waited, wasted dei trentini Death by Pleasure  uscito il 24 Novembre per Mashhh! Records
Una deflagrazione che dura 15 minuti e che fa saltare in aria pezzi di Nirvana (quelli di Bleach per intenderci), di Ride, di Devo o, per avvicinarci ai giorni nostri, di A place to bury strangers. Ad osservare bene il disco poi, sembra che Mirko Marconi (voce e chitarra) e Lorenzo Longhi (percussioni) abbiano una passione per tutto ciò che scoppia: un fungo atomico in copertina e come prima traccia un titolo al vetriolo: Spontaneous combustion che fa capire immediatamente che questi due ragazzi non fanno carezze. Da qui il resto del lavoro scorre velocissimo se ci si trovasse in mezzo a una scazzottata ma si colpisse a suon di chitarre distorte, di gole raschiate e sudore. Points of view è benzina, Shy, shine è favilla ed insieme accendono la pirica Find a fire that burns. Un leggero intermezzo per riprendere fiato (Waiting, wasting) e la bomba L.B.M.B. chiude il cerchio.
Vi consigliamo caldamente questo EP, ma ascoltatelo con le dovute precauzioni, magari una maschera da saldatore perchè i Death by Pleasure fanno scintille, fiamme e tanto tanto “noise”.

Tracklist:

1. Spontaneous Combustion
2. Points of View
3. Shy, Shine
4. Find a fire that burns
5. Waiting, wasting
6. L.B.M.B.


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!