Home / Dischi / Mimes of wine – Memories of the unseen (Urtovox, 2012) di Flavio Centofante

Mimes of wine – Memories of the unseen (Urtovox, 2012) di Flavio Centofante

Disco dai confini molto labili, dove i tempi e gli spazi possono dilatarsi all’infinito o dove basta una stanza piccola piccola per contenere tutto. Da una parte i contrappunti e le voci degli strumenti che arrangiano alla perfezione, corposi o essenziali a seconda del momento; dall’altra il piano e la voce della bolognese Laura Loriga, meravigliosamente obliante, che canta in inglese. I Mimes of wine nascono come progetto solista di Laura nel 2006, un modo per fissare su disco le sue intuizioni e gli umori delle tante città dove ha abitato:  Bologna, San Francisco, Parigi, Los Angeles. Ad affiancarla…

Score

CONCEPT
ARTWORK
POTENZIALITA'

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Disco dai confini molto labili, dove i tempi e gli spazi possono dilatarsi all’infinito o dove basta una stanza piccola piccola per contenere tutto. Da una parte i contrappunti e le voci degli strumenti che arrangiano alla perfezione, corposi o essenziali a seconda del momento; dall’altra il piano e la voce della bolognese Laura Loriga, meravigliosamente obliante, che canta in inglese. I Mimes of wine nascono come progetto solista di Laura nel 2006, un modo per fissare su disco le sue intuizioni e gli umori delle tante città dove ha abitato:  Bologna, San Francisco, Parigi, Los Angeles. Ad affiancarla durante il cammino musicisti soprattutto italiani, fino ad arrivare alla formazione attuale che ha arrangiato e registrato questo album (il suo secondo): Luca Guglielmino (chitarra), il polistrumentista Stefano Michelotti (fisarmonica, salterio, ghironda e molti altri), Matteo Zucconi (contrabbasso), Riccardo Frisari(batteria). L’album è stato registrato nel 2012 a “La Casa nel vento Studio” da Enzo Cimino dei Mariposa, arricchito dal contributo di altri preziosi musicisti, tra cui Helen Belangie al violocello e Tiziano Bianchi a tromba e flicorno, collaboratore di Capossela. Per certi versi, le sonorità create dalla voce di Laura sono del tutto personali, e in questo sta la bellezza del disco: una voce potente e fragile allo stesso tempo, incredibilmente sorprendente. Echi di altre voci comunque se li porta appresso: gli esperimenti di Joanna Newson, i picchi scheggiati e perlacei di Lisa germano, la maestria di Tori Amos e Cat Power, frammenti di Beth Gibbons, oltre alla delicatezza e il romanticismo di Julie Delphy e Feist.

Gli strumenti che la accompagnano, più che creare una base solida, costruiscono nuvole sonore: le percussioni, gli archi, i fiati sono discreti, non disturbano, badano solo a fornire trame sospese, piacevoli, un poco sghembe. Il piano di Laura è sulla stessa linea, pochi accordi, molte note singole a goccia solo quando necessario. A completare il tutto, talvolta, alcuni effetti di rimbombo o di polvere, leggeri, in sottofondo. Sono cantilene sussurrate quelle che escono dalla bocca di Laura, che parlano di passato, di ritorni, di amore, ma anche di scene capite male o forse mai avvenute: memories for the unseen appunto, cioè le trame che erano nascoste dietro certi momenti, la speranza e l’immaginazione.  Il disco è tutto pervaso da sensazioni molto europee, specchio forse di alcune delle città dove ha abitato, magari un pizzico di Amelie di Yann Tiersen; ma si percepiscono anche tipiche trame di songwriting americano, la creazione di quelle “distanze” umane e spaziali cioè, che danno un senso di nostalgia e spaesamento all’ascoltatore. Non è una voce troppo acuta quella di Laura, ma neanche affine alle tinte maschili: è piuttosto in grado di muoversi da un’ottava all’altra a seconda dell’evenienza, senza mai strafare con lo sfoggio di tecnica: in realtà pare più togliere, che aggiungere. Il piano è il compagno di viaggio ed è tutto: personalità, discrezione, acuto trillare, sinfoniette romantiche o oscure. Si sentono anche tinte marziali di Dead Can dance, però ammorbidite, più eteree. Potrebbe essere tanto un disco per i colori della primavera quanto per le brezze dell’inverno. I brani sono uno più bello dell’altro: le progressioni ciondolanti di “Aube” e “Altairs of rain”; la patina antica di “Auxilio” e “Teethmaker”, il capolavoro memorabile e obliante de “Lincantatore”, la grazia semplice di “Charade” e “Yellow Flowers”, la voce e la chitarra di “I Will Marry You”. Le sonorità di questo lavoro sono un poco diverse dal disco  “Apocalypse sets in” del 2009, qui il risultato è più asciutto e diretto, più corposo e meno onirico. La formazione stabile che ormai accompagna il progetto permette il totale bilanciamento di strumenti e di voce, di chiari e scuri. E’ quando i ricordi e le intuizioni e la loro trasformazione in musica si muovono sullo stesso piano, che un disco può permettersi di raggruppare una lunga serie di bellissimi brani. Per di più, fa piacere sapere che questo è un progetto interamente italiano, nonostante la pronuncia inglese di Laura sia perfetta. In realtà, lasciatemi dire, questo è più di un disco: è una proclamazione di vita, con tutto ciò che ne consegue.

Tracklist:
1.Under the lid
2.Altars of rain
3.Yellow Flowers
4.Charade
5.Auxilio
6.Teethmaker
7.Ester
8.Silver Steps
9.I will marry you
10.Aube
11.Lincantatore
12.Hundred Birds

 


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!