Home / Live / John Spencer Blues Explosion + The Mentalettes live @ Circolo degli Artisti (testo e foto di Andrea Rossi)

John Spencer Blues Explosion + The Mentalettes live @ Circolo degli Artisti (testo e foto di Andrea Rossi)

L’evento è uno di quelli da segnare in rosso sull’agenda: i Jon Spencer Blues Explosion sbarcano a Roma al Circolo degli Artisti, location già simbolicamente “incendiata” lo scorso anno. Più di vent’anni di carriera per la band di NY nata dalle ceneri dei Pussy Galore, un lasso di tempo in cui i JSBX hanno saputo scrivere a chiare lettere una pagina indelebile del rock, termine utilizzato qui in tono inclusivo più che riduttivo, apprezzata molto anche in terra italica (si veda l’omaggio dei romani Bud Spencer Blues Explosion). L’apertura del concerto è affidata ai giovani Mentalettes, band Iberico-Svedese (da quello che si legge sul loro sito internet) che ha fornito la giusta dose di carica e testosterone ai fan in attesa.
The Mentalettes prevede una formula particolare in cui la strumentazione classica è affidata agli uomini ma dove la scena è tutta delle tre gradevoli voci femminili: rock blues, punk e richiami sixties si fondono con balletti e ammiccamenti espliciti in una performance che, nonostante gli undici pezzi eseguiti, non annoia mai.
La pressione è salita al punto giusto e tutti sono pronti per la deflagrazione: i JSBX salgono sul palco e la marea umana, che ha riempito ogni pertugio della sala del Circolo, rompe gli arigini, sobbalza, strepita. Jon Spencer è il solito Jon Spencer: pantaloni a zampa in basso ma ben stretti sopra al ginocchio, grinta da vendere e una voce catalizzatrice di rabbia e potenza. 

Dapprima alcuni brani estratti dall’ultimo lavoro uscito lo scorso anno come Strange Baby e Black Mold, poi un excursus sulla eccezionale carriera della band e in mezzo la voce viscerale di un Jon Spencer in gran forma che gronda litri di sudore, che abbatte senza pensarci due volte l’asta del microfono  e che ripete una infinità di volte “We are Blues Explosion” ad includere anche i formidabili Judah Bauer (chitarra) e Russel Simins (batteria) che impreziosiscono l’intera performance regalando assoli da urlo. 

Una serata elettrizzante all’insegna del punk blues che in coda regala un siparietto niente male: Jon Spencer punta con lo sguardo una ragazza del pubblico (che ho scoperto poi essere la cantante Barbara Tarrant) e la invita a salire sul palco. Dopo aver baciato Bauer e Simins sulle guance e Spencer sulla bocca, inizia  anche lei a cantare, suggellando una performance da applausi e chiudendo una serata da sconsigliare ai deboli di cuore.

Anche stavolta Roma si è dimostrata pronta ad accogliere nel modo giusto un gruppo come i JSBX, fondamentale nella timeline della musica rock.
Di ciò non possiamo che esserne fieri.

Un ringraziamento speciale a Kick Agency ed allo staff del Circolo degli Artisti per averci ospitato durante questo evento


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!