Home / Live / Roberto Dellera live @ Farenight Social Club (testo di Simone Giuliani, foto di Matteo Pizzicannella)

Roberto Dellera live @ Farenight Social Club (testo di Simone Giuliani, foto di Matteo Pizzicannella)


Questa sera, al Farenight Social Club, ho visto degli artigiani della musica. Artisti che non hanno bisogno di aggiungere note su note per raggiungere chissà quale risultato. Al contrario, questi lavorano per sottrazione togliendo il superfluo lasciando l’essenziale. Tuttavia dare dell’essenziale alla chitarra elettrica di Roberto Dell’Era e al violino di Rodrigo D’erasmo è alquanto riduttivo. I due componenti degli Afterhours sono in grado di disegnare scenari di grande intensità emotiva. Il lavoro “oggetto d’esame” di questa sera è il primo album da solita dei Dellera (senza apostrofo): Colonna Sonora Originale. Il concerto inizia con Le parole (rivoglio il mio disordine) e sin da subito c’è un contrasto tra i vecchi dogmi e una musicalità più moderna generando così un sound senza tempo. 
L’approccio è fondamentalmente retrò, volutamente vintage e ricrea l’atmosfera di quei dischi anni 60. Il duo si protrae in lunghe digressioni psichedeliche riproducendo anche suoni e rumori di vita quotidiana che diventano musica. 
Il live passa da sonorità retrò della musica italiana, ad atmosfere tipicamente british che ricordano The Smiths, fino ad arrivare a toni più sperimentali e psichedelici. Così come con gli Afterhours, Dellera da un tocco internazionale a tutti i suoi brani e arricchisce il live con alcune cover di artisti anglosassoni tra cui Stay di Micky Greaney
Nota a parte va a Oceano Pacifico Blu, canzone dedicata a Dennis Wilson il batterista dei Beach Boys e Pacific Ocean Blue è il titolo del suo unico album da solista del 1977. Immenso, in questo brano, il violino di Rodrigo D’Erasmo. L’emozione che si ha ascoltandola è quella di un viaggio indietro nel tempo tra i colori sbiaditi ma contemporaneamente ancora vivi nella nostra memoria. Un percorso segnato da un insieme di foto ricordo profondamente significative, di un on the road che non finirà forse mai e che tingono di malinconico il bellissimo vagabondare della vita di ognuno di noi.
Setlist:

– Le Parole (Rivoglio Il Mio Disordine)
– Break Up Break Down
– Il Motivo Si SIMA
– Ami Lei O Ami Me
– Be
– Il Tema Di Tim E Tom
– Stay (di Micky Greaney)
– Due Di Noi
– Stomp
– Veloso
– Oceano Pacifico Blue


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!