Home / Dischi / Petramante – Ciò che a voi pare osceno a me sembra cielo (Marte Label, 2013) di Fabio Ippoliti

Petramante – Ciò che a voi pare osceno a me sembra cielo (Marte Label, 2013) di Fabio Ippoliti

Un discorso profondo, incentrato su una voce e una decisa ricerca poetica che ha pochi confini e che arriva serena e varia alle vostre orecchie. I Petramante sono al loro secondo cd e puntano su una sorta di serena ermeticità che però non risulta pesante e si lascia ascoltare con semplicità. La produzione è lucida e fa trasparire ogni aspetto delle idee che permeano questo cd, anche le citazioni di gruppi tipo The Cure, io ci ho sentito anche molto i Sixpence None The Richer e alcune correnti più dark wave specialmente nel drumming, in alcuni tratti. Il disco…

Score

CONCEPT
ARTWORK
POTENZIALITA'

Conclusione : Soave

Voto Utenti : 3.62 ( 10 voti)

706211_10151324642120115_1899896239_oUn discorso profondo, incentrato su una voce e una decisa ricerca poetica che ha pochi confini e che arriva serena e varia alle vostre orecchie.
I Petramante sono al loro secondo cd e puntano su una sorta di serena ermeticità che però non risulta pesante e si lascia ascoltare con semplicità.
La produzione è lucida e fa trasparire ogni aspetto delle idee che permeano questo cd, anche le citazioni di gruppi tipo The Cure, io ci ho sentito anche molto i Sixpence None The Richer e alcune correnti più dark wave specialmente nel drumming, in alcuni tratti.
Il disco procede con un passo pacato e spesso si appoggia su ritmiche con chitarre acustiche e non disdegna intromissioni di viole e archi con addirittura un’ombra di dubstep. Le liriche meritano un discorso a parte. Come anticipavo prima costituiscono la spina dorsale del disco: sono intense, ispirate, intrise di quotidianità e dimostrano che ogni piccolo elemento che incrociamo con gli occhi durante il giorno può essere spunto per riflessioni e stream of consciousness che la Francesca Dragoni, con voce suadente e morbida riesce a tessere con charme, “leggerezza e complessità”.
Un buon ascolto, lievemente impegnativo, che però grazie al non eccessivo minutaggio dei brani riesce a scorrere senza annoiare coloro che magari sono aldifuori del circuito indie. Suggerirei una differenziazione migliore delle dinamiche dei brani, non lasciate sempre Francesca a fare la parte del leone, cari Simone, Maurizio e Alessandro!
MORALE: soave, una nuvola di parole vi accompagnerà per mano durante l’ascolto di Ciò Che A Voi Sembra Osceno A Me Pare Cielo, che comunque come titolo è veramente rimarchevole.

Paolo Soriani ph.

Paolo Soriani ph.

Tracklist:
1. La calvizie
2. Le reliquie
3. La colonia
4. Le cortesie
5. La testa
6. L’errore
7. La plastica
8. La gonna
9. La doccia
10. La bombetta
11. Cantando


Commenti

Click here to connect!