Home / Dischi / SP&IVV – Polaroid… di una Vecchia Modernità (Gartin Record, 2012) di Simone Vinci

SP&IVV – Polaroid… di una Vecchia Modernità (Gartin Record, 2012) di Simone Vinci

Gli SP&IVV, acronimo di Simone Piva & i Viola Velluto, che noi abbrevieremo in Speivv per motivi di comodità, sono un gruppo che riesce a creare di se più immagini contemporaneamente. Mi spiego: te li immagini in un modo, vedi la copertina e pensi ad altro, li senti e capisce che nulla è come sembrava fino ad un attimo prima o, ben che vada, torni alla tua credenza originaria. Di primo acchito, guardando la copertina ben fatta, abbiamo pensato ad un gruppo esperto, di estrazione Rock, quel bel mix tra Country e Rockabilly. Leggendo il titolo dell'EP abbiamo pensato…

Score

CONCEPT
ARTWORK
POTENZIALITA'

Conclusione : Usuale

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Gli SP&IVV, acronimo di Simone Piva & i Viola Velluto, che noi abbrevieremo in Speivv per motivi di comodità, sono un gruppo che riesce a creare di se più immagini contemporaneamente. Mi spiego: te li immagini in un modo, vedi la copertina e pensi ad altro, li senti e capisce che nulla è come sembrava fino ad un attimo prima o, ben che vada, torni alla tua credenza originaria.

Di primo acchito, guardando la copertina ben fatta, abbiamo pensato ad un gruppo esperto, di estrazione Rock, quel bel mix tra Country e Rockabilly. Leggendo il titolo dell’EP abbiamo pensato ad un gruppo di giovani intenti a tirare fuori l’ennesimo richiamo al vintage, ma quando lo abbiamo inserito nello stereo, abbiamo avuto un’altra impressione ancora.

Gli Speivv si sono formati nel 2008 a Gemona del Friuli, Udine. Si sono fatti la gavetta, molta, e continuano a girare l’Italia per partecipare a festival, concorsi, eventi di radio ed etichette, Simone compare in un video premiato al MEI di Faenza, hanno aperto concerti a Zen Circus e Sick Tamburo. Insomma, hanno sicuramente il diaframma allenato per dare più fiato alla loro voce in capitolo, quindi non ci dispiacciono. Le influenza sono molto delineate e spaziano dai Zen Circus, senza la loro odiosa verve ironica, e al Teatro degli Orrori, ma sarebbe più giusto dire One Dimensional Man, cosa ben chiara in Ok Man!, la seconda traccia dell’EP.
L’impressione che abbiamo avuto di questo Polaroid… di una Vecchia Modernità! È tutto sommato buona. La prima traccia, Cronaca di una fine annunciata, è il pezzo più debole del disco, perchè per quanto l’intro sia ricercato, il pezzo non decolla e si intrappola da solo in un testo lineare e scontato. Storia di un amore coi momenti difficile, la crisi, i momenti felici, la routine che prende il sopravvento ecc.ecc.

La succitata Ok Man! è la prova che sanno suonare come si deve, che sanno essere più duri di quello che sembrano e che sanno rendere effettivamente difficile la scelta su quale sia la traccia più valida dell’album tra Ok Man!, appunto, Fede Abbi Fede e Vamos Companeros, l’ultima traccia, che ricorda un po’ Canali e un po’ i Litfiba. Già solo per questo si può mettere mezzo gradino sopra le altre.
Nel complesso, Polaroid… di una Vecchia Modernità, pecca un po’ in originalità, perchè se da una parte è decisamente ben suonato, dall’altra risultano, un po’ troppo evidenti le influenze di ogni traccia, chiare anche dal titolo. Per esempio, Fede Abbi Fede, ricorda un po’ i titoli dei Tre Ragazzi Morti e sul disco, effettivamente, le sonorità ricordano proprio il gruppo di compatrioti friulani.

L’Artwork di questo EP, uscito per la Gartin Record, è molto carino, con le loro caricature in versione “cowboy polveroso”.

Insomma, l’impressione finale che abbiamo avuto degli Speivv è quella che ci si immaginava leggendo il nome del gruppo per esteso: un progetto Rock alla vecchia maniera, in cui il frontman Simone Piva si accompagna ad un duo di collaboratori che non sono solamente dei turnisti. Sono tutti molto bravi a suonare, ma ci vorrebbe una costruzione più personale nella struttura “canzone”.

 

Tracklist:

1, Cronaca di una fine annunciata

2, OK Man!

3, Fede Abbi Fede

4, Vamos Companeros


Commenti

Click here to connect!