Home / Live / CJ Ramone @ Traffic 18.10.2013 (Foto e testo di Karol Banach)

CJ Ramone @ Traffic 18.10.2013 (Foto e testo di Karol Banach)

1E’ l’una di notte, la folla rumoreggia, c’è grossissima attesa nell’aria, le immagini de I Guerrieri della notte – film di culto di fine anni ’70 – scorrono proiettate su una parete. All’improvviso le luci si spengono, s’intravedono delle ombre salire sul palco e partono le note Blitzkrieg pop, veloce, tagliente ma anche confusionaria come sempre. Per qualche attimo ci sembra di sognare, ci sembra di assistere al live di un Gruppo che ha segnato e scritto la Storia della Musica (ebbene sì, tutto con il maiuscolo). Sembra il contorno ideale per l’esibizione di quattro ragazzi caratterizzati da una sola parola: Ramones. Poi però torniamo alla realtà. Non siamo a New York, non siamo negli anni ’80. Joey, Johnny, Dee Dee e Tommy non ci sono, li troviamo solamente sotto forma di immagini tratte dal documentario End of the Century, che nel frattempo è iniziato a scorrere su una parete. Il protagonista di oggi è CJ Ramone, il volto “fresco” e “giovane”, reclutato da Joey Ramone per sostituire Dee Dee come bassista dei Ramones. Supportato durante questo tour da Jonny “Two Bags” & David Hidalgo, chitarrista e batterista dei Social Distortion, 2CJ Ramone sfodera alla grande una scaletta che prevede il meglio del repertorio dei Ramones. I vari successi del quartetto newyorkese vengono proposti in ordine sparso provocando un profondo senso quasi di commozione, più che di nostalgia. Beat on the brat o Judy is a punk, anche se inseriti nella parte iniziale dell’esibizione, rappresentano benissimo l’apice di tutta la serata, considerando le emozioni suscitate nel pubblico, provocando diversi occhi lucidi. La platea infatti si compone in parte anche da persone più in là con gli anni, che hanno avuto la fortuna di vedere i Ramones quando erano 20/30 enni. Adesso vengono al concerto in compagnia dei figli, affinché pure loro possano dire un giorno di aver visto i Ramones, o almeno uno di loro. In scaletta troviamo anche qualche brano tratto da Reconquista, il disco solista di CJ Ramone pubblicato nel 2012. Due brani su tutti sono degni di nota: Three angels, dedicata a Joey, Johnny e Dee Dee, e You’re the only one, dedicato a sua figlia.

3La serata amarcord era iniziata con i The Grenades, un giovane gruppo punk rock di Roma, seguiti da un nome storico della musica punk italiana: i Senzabenza. La celebre flower punk band di Latina propone il meglio del proprio repertorio, con pezzi estratti dai vari album inclusi nella discografia. Il legame con i Ramones è chiaro, il suono è molto simile a quello del gruppo americano e in diverse occasioni il gruppo di Latina ha aperto i concerti italiani dei quattro “fratelli” Ramone.  I brani tratti dal celebre Gigius, album risalente a metà anni 90, sono delle perle di punk rock italiano che però purtroppo non sembrano essere troppo apprezzate dal pubblico, che si dimostra abbastanza indifferente lungo tutto l’arco dell’esibizione. Peccato, ma speriamo che quanto prima i Senzabenza possano ottenere tutto il rispetto e le soddisfazioni che si meritano.

I Ramones non esistono più, ma serate come questa confermano il fatto che vi sono ancora tantissimi gruppi pronti a seguire le loro orme con la speranza di ripetere i successi raggiunti dal gruppo americano.

Un ringraziamento speciale al Traffic Live Club per averci ospitato durante questo evento.


Commenti

Click here to connect!