Home / Dischi / LaMalareputazione – Panico (Altipiani, 2013) di Daniele la Canna

LaMalareputazione – Panico (Altipiani, 2013) di Daniele la Canna

“Panico” è il secondo lavoro per LaMalareputazione, formazione romana fondata nel 2005. Dieci brani, pronti via. Non avevo mai sentito il gruppo prima e i miei primi ascolti sono stati, come sempre, gasatissimi. Sono una persona a cui le recensioni di quattro pagine in cui si analizza passo passo ogni brano e sfaccettatura metaforica di un disco danno una noia terribile, quindi sarò breve e diretto come sempre nel giudizio: bene ma anche no. Panico è registrato e mixato benino, nelle composizioni non c' è nulla che non vada e gruppo è anche bravo, ci crede tanto, si sente…

Score

CONCEPT
ARTWORK
POTENZIALITÀ

Conclusione : Meh

Voto Utenti : 3.88 ( 23 voti)

Panico - cover“Panico” è il secondo lavoro per LaMalareputazione, formazione romana fondata nel 2005. Dieci brani, pronti via. Non avevo mai sentito il gruppo prima e i miei primi ascolti sono stati, come sempre, gasatissimi. Sono una persona a cui le recensioni di quattro pagine in cui si analizza passo passo ogni brano e sfaccettatura metaforica di un disco danno una noia terribile, quindi sarò breve e diretto come sempre nel giudizio: bene ma anche no.

Panico è registrato e mixato benino, nelle composizioni non c’ è nulla che non vada e gruppo è anche bravo, ci crede tanto, si sente e i complimenti se li meritano tutti ma mi sono annoiato a morte durante i miei ascolti. Il problema è che il pop-rock che emerge, risulta sempre troppo uguale a sé stesso. Troppe band fanno la stessa cosa nello stesso modo con lo stesso tono ridondante che ti fa chiedere a cosa serva un altro gruppo ancora. Mezzo Baustelle, mezzo Afterhours, mezzo un po’ di altro. Attenzione, non sto dicendo che il disco è brutto in assoluto perché direi una bugia, anche se i seni che sputano veleno di Odio l’ estate li avrei evitati volentieri: il mio appunto è sulla mancanza di un tratto distintivo, di un suono riconoscibile, di quel nonsoche che fa diventare una band tra tante qualcosa di particolare.
I ragazzi, poi, hanno anche raggiunto obiettivi mica da ridere, è possibile leggere dal loro sito internet che sono trasmessi su molte radio e che su YouTube i pezzi hanno ricevuto un’ ottima risposta. Probabilmente il problema è di chi scrive che non riesce ad apprezzare in pieno “Panico”. Eppure il messaggio è chiaro, la perdita di controllo della nostra generazione -tra i 25 e i 35- che in realtà cerca il controllo di tutto per poi perderlo e finire, appunto, nel panico. È che il lavoro dei laMalareputazione non riesce a trasmettermi questa sensazione di paura di perdita di controllo, di instabilità. Insomma, quando arriva il panico? Mai, così a spanne. E’ tutto talmente controllato e tra i binari che il disco è troppo giusto per il messaggio che vuole esprimere.
I LaMalareputazione, in soldoni, hanno scritto un buon disco che non riesce nel suo intento per paura, secondo me, di uscire dai parametri standard del genere e cadendo, paradossalmente, nel controllo che tanto si cerca. Non che sia un male non dare messaggi, se il tuo obiettivo non è esattamente quello. Peccato.

 

TRACKLIST

01. Panico

02. Balla (la canzone della vita)

03. La folle corsa

04. Ora che è semplice

05. Odio l’estate

06. Irene e il suo cavallo

07. Conosco il tuo segreto

08. Il talento di Modigliani

09. Parigi

10. La parte più sana


Commenti

Daniele La Canna

Click here to connect!