Home / News / I KARMA IN DISTORSIONE presentano il videoclip di “Senza petrolio”

I KARMA IN DISTORSIONE presentano il videoclip di “Senza petrolio”

karma-in-distorsione

Karma In Distorsione

Presentano Karma In Distorsione (Autoproduzione)

Distribuzione Zimbalam

Esce il videoclip di Senza Petrolio, secondo singolo estratto dall’omonimo album dei KARMA IN DISTORSIONE,“trio rock multiforme e creativo quanto basta per inchiodarti alla sedia!” (da Rockerilla).

Il video nasce dalla collaborazione tra i K.I.D. e lo studio creativo Made On (www.madeon.it).L’idea è quella di sottolineare, con un tono grottesco e sarcastico, gli aspetti problematici della “petrolizzazione” e raccontare in modo bizzarro e stravagante un fenomeno così serio e preoccupante per il futuro del pianeta.

Il video è stato realizzato con i fondi che i K.I.D. hanno raccolto durante la campagna di crowdfunding su Musicraiser ed è stato girato a Civitavecchia, tra il mare e la “tristemente nota” centrale termoelettrica a carbone dell’Enel.

L’inviato presente nel videoclip è Vito Foderà, giornalista e autore del programma “Polifemo – Quello Che Nessuno Ti Fa Vedere” in onda su Mtv dal 22 dicembre.

INTRO ALLA BAND E AL DISCO

I Karma in Distorsione si affacciano sul mercato musicale con il loro album d’esordio. Prima dell’uscita dell’album omonimo i K.I.D. hanno pubblicato il singolo e videoclip “La mia Fabbrica”, una sorta di canzone-manifesto, schietta e immediata, che ha ottenuto un grande successo sul web e su emittenti radiofoniche e web-radio di tutta Italia .

Il disco è composto da otto tracce (registrate in un trullo di Bisceglie adibito a sala di registrazione) che esplorano diverse soluzioni musicali passando quindi dal singolo rock-punk La mia Fabbrica, al ritornello-slogan del tormentone radiofonico Senza Petrolio, a momenti introspettivi e teatrali di Vivo a tratti e Cani randagi. Contaminazioni che provengono dall’esperienza cantautorale del cantante-bassista, avvezzo anche a progetti in dialetto biscegliese, (si noti L palazz). I testi sono intimi e provocatori, mai banali, cantati talvolta sottovoce o a squarciagola.

 GUARDA QUI IL VIDEO DI “SENZA PETROLIO”

 


Commenti

Click here to connect!