Home / Dischi / Muse-Live at Rome Olympic Stadium – (CD/Blu-Ray – Warner Bros/Helium3) di Stefano D’Offizi)

Muse-Live at Rome Olympic Stadium – (CD/Blu-Ray – Warner Bros/Helium3) di Stefano D’Offizi)

Muse6 luglio 2013, Roma è pronta ad ospitare quello che probabilmente resterà nella storia come il più grande evento live dell’anno (per molti addirittura del decennale), i preparativi sono andati avanti per settimane e finalmente è giunto il momento di aprire le danze. Nonostante tutto, Relics c’era ed ha raccontato tutto attraverso le accurate parole di Silvia Protano e le bellissime foto di Annalisa Russo (clicca QUI per leggere) eppure, a meno di un mese di distanza dall’uscita del doppio CD/Blu-Ray (il primo concerto della storia in definizione 4K) non crediamo sia ancora abbastanza…
Il package, per quanto minimalista, si presenta piuttosto bene: CD audio con una selezione di ben tredici brani tutti da ascoltare ed un Blu-Ray contenente venti brani live estratti dal concerto allo Stadio Olimpico, con l’aggiunta di alcune bonus track dai concerti di Las Vegas e Dallas.
Inserisco personalmente il Blu-Ray disk utilizzando un impianto stereo di tutto rispetto, con tanto di sala insonorizzata e megaschermo pronti all’esperienza, e dopo pochi secondi di introduzione al setup acustico mi tremano quasi le dita nel pigiare il tasto play, si parte! Dopo una breve introduzione in dts 5.1 (i puristi forse non apprezzeranno, ma la definizione audio digitale in questo caso è doverosa!) Supremacy mi investe come un treno in corsa, esplodendo in tutta la potenza di uno Stadio Olimpico vestito a festa per l’occasione. Il boato degli oltre 60.000 (sessantamila!) ai primi fischi della chitarra di Matthew Bellamy non sono che un preludio minimale alle scene che seguiranno; La ripresa si allarga in un grandangolo esasperato che mostra dall’alto una folla impazzita mentre si accalca contro la passerella disposta al centro del prato, riportandomi alla mente le scene di computer grafica di un recente film sugli zombi con protagonista Brad Pitt… stavolta però è tutto vero! Muse2Inutile continuare a menzionare la qualità del suono e delle riprese strabilianti, sembra di essere là, accalcati contro la folla, mentre su un palco gigantesco altissime fiamme fanno compagnia ai Muse finalmente comparsi sul palco. L’apoteosi dura poco più di cinque minuti, neanche il tempo di un saluto e si passa immediatamente a Panic Station, altro brano di grandissimo effetto (estratto come anche il precedente da The 2nd Law) capace di far saltare sul posto l’intero stadio. L’energia dei Muse sta anche in questo: passare dall’esecuzione di un brano epico, quasi solenne, ad una canzone molto più spensierata, trasformando un concerto rock in una enorme pista da ballo, il tutto attraverso un’intensità spaventosa. Le primissime file vengono immortalate mentre si dimenano e cantano sgolandosi già al secondo brano di una lunga scaletta, senza riserve, come se non ci fosse un domani… in un certo senso, per chi potrà riconoscersi in mezzo a quella folla anche solo per un misero istante, sarà proprio così!Muse3 Segue Plug In Baby,  e non c’è una sola persona che non canta o salta a tempo in un ritornello tanto carico quanto famoso, in questo istante mi maledico per non esserci potuto essere. L’apice giunge probabilmente con Knights of Cydonia, altro brano assolutamente unico dai temi fortemente western, Chris Wolstenholme si arma di armonica intonando una nenia che sa di duello, mentre Bellamy e Dominic Howard introducono il tema principale della canzone. Ovviamente il pubblico non sta nella pelle, l’emozione è talmente palpabile da riuscire a passare attraverso uno schermo e colpirmi in pieno, riempiendomi occhi ed orecchie. Follow Me, dedicata da Bellamy a suo figlio, ha un valore doppio, così come Madness ed Undisclosed Desires, per non parlare dell’ovvia reazione di un pubblico esasperato alle prime note di Supermassive Black Hole. Ascoltare ed osservare è solo l’inizio, e tra centinaia di live DVD/BD in cui mi sono imbattuto, devo ammettere che un realismo di questa portata non mi era mai capitato, capace di suscitare la voglia di esserci realmente…
In conclusione, per quanto detesto usare questo termine quando si parla di musica, si tratta di un Prodotto di estrema qualità, non solo nella versione ad altissima definizione BD, ma anche in semplice DVD, un live che entrerà nella storia come il Live at Pompeii dei Pink Floyd, o The Stones in The Park, Live at the Hollywood Bowl dei Doors, Touring The Angel a Milano dei Depeche Mode e Peter Gabriel live in Athens del 1987.
In una parola, se siete fan dei Muse non potete non averlo!

CD
  1. Supremacy – 5:14
  2. Panic Station – 3:12
  3. Resistance – 5:32
  4. Hysteria – 5:06
  5. Animals – 4:21
  6. Knights of Cydonia – 8:19
  7. Explorers – 5:54
  8. Follow Me – 3:52
  9. Madness – 4:37
  10. Guiding Light – 4:18
  11. Supermassive Black Hole – 4:05
  12. Uprising – 5:35
  13. Starlight – 4:27
Muse4DVD/BD
  1. Intro
  2. Supremacy
  3. Panic Station
  4. Plug in Baby
  5. Resistance
  6. Animals
  7. Knights of Cydonia
  8. Explorers
  9. Hysteria
  10. Feeling Good
  11. Follow Me
  12. Madness
  13. Time Is Running Out
  14. Guiding Light
  15. Undisclosed Desires
  16. Supermassive Black Hole
  17. Survival
  18. The 2nd Law: Isolated System
  19. Uprising
  20. Starlight
Extra
  1. Stockholm Syndrome (Las Vegas)
  2. Unsustainable (Las Vegas)
  3. Liquid State (Dallas)
  4. The Road (The Film)


Commenti

Click here to connect!