Home / Dischi / Viola Sinapsi – Rivoluzioni composte EP (CSSP Records, 2013) di Stefano Capolongo

Viola Sinapsi – Rivoluzioni composte EP (CSSP Records, 2013) di Stefano Capolongo

Una famiglia a tavola, in apparenza perfetta e conformista, riunita in preghiera intorno ad una tv accesa che fa da centrotavola. L'ambiente circostante è uno scenario marziano-vulcanico, foriero di un forte sentimento di solitudine ed abbandono. E' questo l'artwork (Valeria Arcoleo) che presenta Rivoluzioni Composte, EP dei siciliani Viola Sinapsi. Schiacciando play, il pronti-via è affidato a Ladynutella che ci catapulta immediatamente in un ambiente post-rock/noise con un gradevole giro di basso di ispirazione Rodriguez-Lopeziana. Dopo un avvio rapido, l'atmosfera si posa e cede il passo alla voce di Davide Iacono, vera protagonista dell'EP, preponderante anche nella seguente La…

Score

CONCEPT
ARTWORK
POTENZIALITA'

Conclusione : Frenato

Voto Utenti : 3.93 ( 1 voti)

a1683544354_10Una famiglia a tavola, in apparenza perfetta e conformista, riunita in preghiera intorno ad una tv accesa che fa da centrotavola. L’ambiente circostante è uno scenario marziano-vulcanico, foriero di un forte sentimento di solitudine ed abbandono. E’ questo l’artwork (Valeria Arcoleo) che presenta Rivoluzioni Composte, EP dei siciliani Viola Sinapsi. Schiacciando play, il pronti-via è affidato a Ladynutella che ci catapulta immediatamente in un ambiente post-rock/noise con un gradevole giro di basso di ispirazione Rodriguez-Lopeziana. Dopo un avvio rapido, l’atmosfera si posa e cede il passo alla voce di Davide Iacono, vera protagonista dell’EP, preponderante anche nella seguente La fiera delle ovvietà, pezzo ambient che purtroppo non regala sussulti. In Nives, ottimo brano, torna la vena più hard dei ragazzi siciliani, sprigionata sia a livello strumentale che vocale. Canzone di Mezzanotte non riesce a dare quella spinta finale che ci saremmo aspettati da una band di sicuro valore. Esso, infatti, resta troppo spesso imprigionato in un pathos troppo tricolore e in vezzi vocali troppo vanitosi e articolati, interessanti da un lato ma troppo prolissi dall’altro.

Un’esplosione (forse troppo) controllata e matematica, ma non per questo meno distruttiva e brillante: così si possono riassumere i circa 20 minuti di Rivoluzioni Composte. Dopo qualche anno di assestamento, i Viola Sinapsi ci danno un assaggio di ciò che potrebbe essere un fresco futuro LP. Puntando maggiormente sul ‘noise’ vero e proprio e lasciando libera di scorrazzare la propria vena più ribelle, siamo certi che la prossima uscita sarà un bel sentire. Attendiamo il graffio, quello vero.

Tracklist:

1. Ladynutella

2. La fiera delle ovvietà

3. Nives

4. Canzone di mezzanotte

 

I Viola Sinapsi sono:
Davide Iacono – Voci e chitarre
Daniele Venti – Basso
Gabriele Russello – Synth
Gianluca Di Majo – Batteria


Commenti

Click here to connect!