Home / I Big di Relics / Velvet Score@Tender Club, Firenze (testo e foto di Valentina Cipriani)

Velvet Score@Tender Club, Firenze (testo e foto di Valentina Cipriani)

 DSC_8248 copia“A un certo punto c’è da decidere: se volergli bene, oppure no. Al passato. Noi abbiamo deciso che gli vogliamo bene”. È uno sguardo ambivalente quello con cui i Velvet Score guardano al tempo che fu. Nostalgia, affetto, ma anche un certo disagio nel sentire qualcosa che non li rappresenta più.

A dieci anni dalla sua uscita, la band fiorentina annuncia la ristampa del suo album di debutto, Youth. Ma facciamo un passo indietro.

È il 1999 quando Marco, Martino, Mattia e Lorenzo iniziano a suonare insieme dando vita ai Velvet Score. Nel 2003 firmano un contratto con la Black Candy Records di Firenze e l’anno successivo esce Youth, album molto apprezzato dalla critica che dà voce alle illusioni e ai sogni della gioventù di allora. Lo stesso anno partecipano alla compilation Indie Against In(vi)die, insieme ad artisti come Yuppie Flu, Tre Allegri Ragazzi Morti, Marlene Kuntz, Marta Sui Tubi e Julie’s Haircut.

DSC_8450 copiaPoco tempo dopo Lorenzo e Mattia lasciano il gruppo, ed è in questo periodo di transizione che Emanuele entra a far parte dei Velvet Score. Nel 2007 vede la luce il secondo album Scarecrows e nel 2010 è la volta di Goodnight Good Lovers. La formazione della band evolve negli anni e nel 2013 il trio diviene un quartetto con l’arrivo di Chiara Fusi.

La loro musica è intrisa di atmosfere post-rock e sperimentali, a volte noise, che ricordano i Sonic Youth, i Mogway, i Marlene Kuntz, i Cure. Il modo elegante di accarezzare le chitarre, le deflagrazioni sonore, la voce sussurrata che sale piano piano ci trasportano in un mondo onirico che evoca sentimenti malinconici.

DSC_8125 copiaDieci anni, dicevamo. Un compleanno doppio che celebra anche il primo decennio di attività dell’etichetta fiorentina Black Candy Records. E quale modo migliore di festeggiarlo se non tornando insieme sul palco sulle note dei brani di Youth? La ristampa dell’album contiene anche The Ant, brano inedito scritto prima dell’uscita di Scarecrows e rimasto nascosto fino ad oggi.

E’ al Tender Club di Firenze che i Velvet Score hanno inaugurato il lungo tour che li porterà anche all’estero.  Un ritorno al passato che ha visto salire sul palco anche Lorenzo Buzzigoli, bassista di allora e oggi promoter rock e discografico.

DSC_8310 copiaI brani di Youth si alternano a pezzi inediti che faranno parte del nuovo disco che probabilmente uscirà in autunno. I Velvet Score sono infatti fortemente devoti al futuro e alla ricerca sonora e amano proporre cose nuove per testarle sul pubblico.

L’atmosfera che si respira è quella di un ritrovo tra amici dopo anni di lontananza. Non solo sul palco, ma anche tra il pubblico. C’è chi canta con lo sguardo sognante, chi ha gli occhi lucidi, chi sulle note di Crying On Pop Corn fa bolle di sapone che fluttuano sulle nostre teste come i ricordi evocati dalla musica.

Un ritorno alla grande per una band che ha fatto parlare di sé e che sicuramente continuerà a farlo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Clicca qui per visualizzare il set su Flickr


Commenti

Click here to connect!