Home / Dischi / Vidi Aquam – Fog Vision (Rosa Selvaggia, 2013) di Simone NoizeWave Vinci

Vidi Aquam – Fog Vision (Rosa Selvaggia, 2013) di Simone NoizeWave Vinci

"Dilettante è meglio!" Questo era ciò che nel periodo 1978/1984 ha mosso un numero cospicuo di ragazzi ad imbracciare strumenti musicali, anche quando non se ne aveva mai suonato uno. Questa serie di eventi, ha portato alla nascita di generi nuovi o sottogeneri nell'epoca del post-punk, come, ad esempio, la No-Wave newyorkese. L'idea di partenza era quella di esprimere i propri pensieri artistici (molti erano allievi di istituti d'arte, come i Talking Heads), ma ben presto divenne un segnale di rottura con i concetti arcaici della musica Rock, cosa che il punk non era riuscito ad essere. Poi, un…

Score

Concept
Artwork
Potenzialità

Conclusione : Freddo

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

a1509950712_2[1]

“Dilettante è meglio!” Questo era ciò che nel periodo 1978/1984 ha mosso un numero cospicuo di ragazzi ad imbracciare strumenti musicali, anche quando non se ne aveva mai suonato uno. Questa serie di eventi, ha portato alla nascita di generi nuovi o sottogeneri nell’epoca del post-punk, come, ad esempio, la No-Wave newyorkese. L’idea di partenza era quella di esprimere i propri pensieri artistici (molti erano allievi di istituti d’arte, come i Talking Heads), ma ben presto divenne un segnale di rottura con i concetti arcaici della musica Rock, cosa che il punk non era riuscito ad essere.

Poi, un giorno, ci si rese conto che il motto “Dilettante è meglio!” aveva perso ogni significato, dal momento che chiunque facesse una cagata con le tastiere, finiva per essere prodotto, o finiva addirittura a Top of the Pops. Così, la gente che sapeva realmente suonare, salì in cattedra, reinserì un nuovo concetto di “professionismo” musicale, reinserendo anche delle nozioni del Rock, unito allo spiriti dilettantistico del “fattelo da solo”. Questa serie di eventi, ha portato alla nascita del concetto Low-Fi.

Questa lunga introduzione è stata ispirata dall’ascolto di questo Fog Vision, il nuovo disco dei Vidi Aquam. Sì, perchè il gruppo milanese si inserisce perfettamente nella genesi del Lo-Fi. Quella in cui salirono in cattedra gente come i Killing Joke, per intenderci.

L’esplosione della DarkWave (e Neo-Folk), arrivò sì nel 1980 con Diaframma, Neon e tutta la scena di Firenze, ma nel 1994 riprese vigore con una seconda ondata, che prese il via dal milanese, per far nascere movimenti in tutto lo stivale. I Vidi Aquam sono tra i pochi superstiti di quella seconda epoca oscura, che vide nascere gente come gli Alma Mater e i Camerata Mediolanense.

I Vidi Aquam, nonostante i 20 anni di carriera, riescono a tenere in piedi un genere, che purtroppo è riservato ad una fetta di fan sempre più di nicchia e sempre più segregata ad eventi rari a cadenza regolare. Il gruppo milanese riesce ad emozionarmi e a farmi credere che non tutto è perduto. Per fortuna. P6262277va[1]

Il livello tecnico del disco è in pieno stile Lo-Fi. La voce di Nikita, rituale e lirica, spesso risulta eccessivamente Lo-Fi, con un volume inadatto al volume del resto della traccia. Ma quello che conta è il risultato generale. Conosciuti nell’ambiente italiano e rispettati all’estero, i Vidi Aquam, si confermano una reltà che vent’anni dopo l’esordio, ha ancora qualcosa da dire e pezzi come 10 Agosto ’44 e We Bare the Light, emozionano e portano ad abbassare la testa. Gli altri pezzi ti riportano ad epoche ormai perdute, con pezzi di chiara ispirazione Bauhaus, come Pig Face, o pezzi che ricordano i Clan of Ximox (She sais and don’t say) o i Killing Joke (Fog Vision). 

Il disco, è un’antologica della DarkWave che non scade nella macchietta. E’ serio, ponderato, sentito e suonato, come se gli anni che ci dividono dal buio, non fossero mai passati. E’ tutto congelato e ben conservato, senza aver perso l’anima che lo ha generato. Nota d’onore per l’Artwork della confezione limitata in metallo, riportante il logo della band.

Tracklist:

01. The Puppets Show 
02. Forest Shout
03. Fog Vision
04. She Says And Does Not Say
05. 10 Agosto ’44 
06. Pigface
07. We Bare The Light
08. Withered Flowers
09. Diva Glance
10. Fosca


Commenti

Click here to connect!