Home / News / Ecco “Niente (non diventeremo)”, il video de LE FATE SONO MORTE in anteprima!

Ecco “Niente (non diventeremo)”, il video de LE FATE SONO MORTE in anteprima!

Immagine

“Niente (non diventeremo)” è il secondo videoclip tratto dall’album “La nostra piccola rivoluzione” de Le fate sono morte.

A soli tre mesi dall’uscita del loro singolo “È’ già settembre” del 20 gennaio 2014, la band rock grunge milanese decide di dare consistenza visiva all’ultima traccia del proprio album.
Il concept della clip si basa su un’atmosfera buia che inghiotte i visi nascondendone le identità, rendendo dubbiose le relazioni e ostacolando il ritrovamento di sé e dell’altro. I musicisti, dai volti resi irriconoscibili nella penombra, suonano finti tamburi fatti con la plastica dei palloncini e con corde tese da mani sospese nel buio, senza produrre alcun suono tangibile.
Le immagini del videoclip ricreano, quindi, l’assenza, la sensazione di vuoto e di annullamento che si insinuano prima tra le persone, come il testo del brano vuole significare, poi in ognuno e infine, metaforicamente, nel rapporto tra gli stessi musicisti e il pubblico. Un video delicato e suggestivo, significativo, pur nella sua semplicità, cromaticamente ben studiato e coerente nell’accostamento al sound del pezzo.

Le fate sono morte sono un progetto concepito nel settembre 2008 da Andrea di Lago (voce, chitarra) e Giuseppe Musto (batteria), nucleo originario della band. “La nostra piccola rivoluzione” è il primo LP de Le fate sono morte uscito il 1 febbraio. L’album, frutto di mesi di lavoro, contiene 10 tracce inedite, quasi un diario emotivo, un percorso morale cui ognuno attende con la sua personale piccola rivoluzione. Il messaggio, esplicito, è il tentativo di realizzare questa svolta, di vincere questa lotta quotidiana contro una realtà frustrante o incomprensibile e rinascere. Per sé stessi come per gli altri.

ASCOLTA QUI “La nostra piccola rivoluzione” IN STREAMING! E GUARDA “NIENTE (NON DIVENTEREMO)” IN ANTEPRIMA:

Regia: Marcello Rotondella, Giulia Savoca


Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!