Home / News / “There is no sound”, primo estratto da “The escape theory” dei CLUB VOLTAIRE

“There is no sound”, primo estratto da “The escape theory” dei CLUB VOLTAIRE

531584fa-1e85-43c2-a9f2-98c5d5d61216

CLUB VOLTAIRE

“There is no sound” è il primo video della band comasca che anticipa l’album “The Escape Theory”, in uscita il 13 maggio (che Relics ha recensito QUI)

There is no sound” è primo videoclip dei CLUB VOLTAIRE che anticipa l’album “The Escape Theory” in uscita il 13 maggio.

Chiusa l’era “About the surface”, iniziata nel 2011 con l’ep omonimo, passando per i due brani del 2012 racchiusi in “A beginner’s guide to good manners” e arrivando al re-work elettronico del 2013 “On the way to the club”, i CLUB VOLTAIRE danno il via a una nuova fase con “The Escape Theory” (2014, etichetta Lafleur), il primo LP della band.

Undici tracce che esprimono al meglio il percorso artistico del gruppo, un percorso fatto di live, scrittura in studio e ricerca di un perfetto connubio tra sonorità vintage e moderne. “The Escape Theory”” è composto da brani scritti tra il 2011 e il 2013, alcuni nati nei backstage dei live promozionali di “About the surface”, altri in lunghe sessioni in studio, brani che per la prima volta vedono coinvolti nella composizione tutti i componenti della band.

Il tema del videoclip, diretto da Bristol Twins e Gloria Ciceri, è la ricerca di creare un senso di “non luogo” che si sposa con le tematiche trattate nella canzone. Un “non luogo” determinato da un “non suono”. Il tema è affrontato giustapponendo immagini e riprese di luoghi simbolo dell’imaginario collettivo, situazioni di vita reale e scenari naturali incontaminati dall’uomo. La band appare in piccoli cameo come a rappresentare un’integrazione distaccata da ciò che si muove intorno.

CLUB VOLTAIRE – BIO
Il progetto Club Voltaire nasce nel 2009 e ha origine da un comune e incondizionato amore per i grandi sound del rock inglese e della swingin’ london degli anni ‘60. Il nome della band deriva dal Cabaret Voltaire, il club dadaista di Zurigo, fondato nel 1919 da Hugo Ball, dove artisti e scrittori diffondevano la loro arte con performance musicali e letterarie, in uno spirito di trattativa e parodia. I Club Voltaire nascono sulla scia dello spirito di aggregazione e spregiudicatezza culturale che ha reso noto il Cabaret Voltaire.
La formazione prevede due chitarre, basso e batteria, ma senza un vero frontman. quattro voci differenti che si alternano davanti al microfono, creando un mondo di melodie inconfondibile.
2011, esce “About the surface”, ep di debutto: sette tracce di puro rock’n’roll, chitarre ruvide, interessanti mix vocali, reminiscenze degli anni ‘60, un pizzico di anni ‘90, con influenze di suoni contemporanei. Un’ovvia inclinazione all’indie-rock con melodie dinamiche e paesaggi sonori pop. Il singolo “Next”, contenuto nell’ep, è distribuito alle radio e agli addetti ai lavori in un innovativo formato ecologico, una eco download card biodegradabile creata utilizzando al 100% carta riciclata con al proprio interno dei semi floreali che permette alla band di ricevere dal MEI il premio per l’innovazione tecnologica in musica, consegnato nell’ambito di Supersound 2011.

Nel 2012 esce il mini ep “A beginner’s guide to good manners”, contenente due pezzi, che completa il lavoro iniziato con “About the surface” e funge da ponte verso il nuovo album.
E’ di gennaio 2013 “On the way to the club”, un nuovo modo di considerare la musica dei club voltaire. Tracce originali estratte da ‘About the surface’ e ‘A beginner’s guide to good manners’ che Dave Cantatore ha sottoposto a un vero e proprio re-work dal mood elettronico.
“The escape theory” è il debut LP in uscita a maggio 2014: dieci tracce che esprimono al meglio il percorso artistico della band, un percorso fatto di live, scrittura in studio e ricerca di un perfetto connubio tra sonorità vintage e moderne. L’album è anticipato dal singolo “There is no sound”, accompagnato dal primo videoclip della band.
I Club Voltaire sono Matteo Cantatore, Antonio Gallo, Lorenzo Quadranti e Niccolò Meroni.

GUARDA IL VIDEOCLIP DI “THERE IS NO SOUND”:


Commenti

Click here to connect!