Home / Dischi / 15 Minutes of Shame – Scrambled Eggs (Autoprodotto, 2014) di Luca Scarfidi

15 Minutes of Shame – Scrambled Eggs (Autoprodotto, 2014) di Luca Scarfidi

Volete sapere cosa hanno in comune i 15 Minutes of Shame con gruppi come Fast Animals and Slow Kids, Tre allegri ragazzi Morti, Bud Spencer Blues Explosions, Nobraino (e altri) a cui hanno aperto i concerti? Niente. E il loro album Scrambled Eggs ne è la limpida dimostrazione. Quando si recensisce un gruppo punk (o che si autodefinisce tale) bisogna tener conto che il genere in questione è un terreno recintato dal quale non si può uscire: è intrinsecamente poco innovativo. Ma c'è modo e modo di approcciare a questo tipo di musica. I 15MOS lo fanno superficialmente, contaminandolo con Indie, South…

Score

CONCEPT
ARTWORK
POTENZIALITA'

Conclusione : Immaturo

Voto Utenti : 2.85 ( 2 voti)

10402516_654679781254572_5278825736862261484_nVolete sapere cosa hanno in comune i 15 Minutes of Shame con gruppi come Fast Animals and Slow Kids, Tre allegri ragazzi Morti, Bud Spencer Blues Explosions, Nobraino (e altri) a cui hanno aperto i concerti? Niente. E il loro album Scrambled Eggs ne è la limpida dimostrazione. Quando si recensisce un gruppo punk (o che si autodefinisce tale) bisogna tener conto che il genere in questione è un terreno recintato dal quale non si può uscire: è intrinsecamente poco innovativo. Ma c’è modo e modo di approcciare a questo tipo di musica. I 15MOS lo fanno superficialmente, contaminandolo con Indie, South Rock, Garage, Surf Music che trascina il suono della band nel baratro della grigiezza compositiva. Il primo brano Nature Reawakens in Spring è lo specchio di tutto l’album: riff e soluzioni musicali che hanno attraversato troppi anni di musica per suscitare ancora interesse, una voce piatta e a tratti fuori pitch e un ritornello scopiazzato da Crazy Train di mastro Ozzy. Recensire un cd come questo è difficile, perchè si distruggerebbe qualsiasi minuto di canzone e non sarebbe rispettoso nei confronti di un gruppo di ragazzi giovani che fa questo per passione e divertimento, ma purtroppo la ricetta del cd è questa: brutti richiami all’alternative indie italiano, una troppo abbondante manciata di power chords, una spolverata di atmosfere pseudocaraibiche senza una precisa ragione di esistere. (Attenzione! Il prodotto può contenere tracce di Beatles e pop banale).  Come in caso di grandi gruppi e grandi cd risultano utilissime le critiche, per questi ragazzi sarà utilissimo far leva sui punti positivi di questo album, in particolare l’uso di fiati in Michael che rappresenta una nota fresca e veramente vivace insieme ad alcune sezioni del brano Scrambled Eggs: se il gruppo dovesse scegliere una direzione, questa dovrebbe essere la prediletta. Nei fatti non c’è molto altro da dire: i 15MOS si definiscono (post)punk e non lo sono nemmeno lontanamente, in Scrambled Eggs (album) c’è tutto meno che lo spirito punk, corrotto e infettato da un pop mal fatto. Questo gruppo non è concreto ed efficace (come si può leggere altrove), questo gruppo semplicemente non ha idee originali. No ragazzi, ritentate.

Tracklist:

1) Nature Reawekens in Spring
2) Crazy Fight of Corianders
3) Fifteen Minutes of Shame
4) Ye-Yeah!
5) Michael
6) Scrambled Eggs
7) In Memory of
8) Guagamela


Commenti

Click here to connect!