Sette per quattro #4: Vaio Aspis, Odiens, Fab, Lemmins

Vaio Aspis_RADICA

Vaio Aspis – Radica (Autoprodotto, 2015) di Stefano Capolongo

Per farvi un’idea di ci√≤ che questa band vuole raccontare raccomandiamo di vedere il bel video di¬†Sotto ricatto, dove si trova la summa del lavoro di questi ragazzi vicentini. Post-grunge e attitudine metal mai sopita sono sorrette da liriche in italiano che a tratti ricordano i conterranei (sebbene pi√Ļ eterei)¬†Virgo. C’√® bisogno di essere validi e incazzati e questa band riesce nell’intento a pieni voti.

odiensOdiens – Prima incisione (Beta prod., 2015) di Stefano Capolongo

Strumenti d’epoca, registrazione analogica e uno smorfioso tappeto beat: √® questa la ricetta scelta della band romana che shakera agevolmente indie rock e sonorit√† sixties per accompagnare undici tracce inedite. Di cosa si parla? Nient’altro che dell’amore declinato nelle sue mille forme: presente, devastante, perso, dimenticato, odiato. Un ottimo lavoro per un esordio che √®¬†tale solo nel nome.

Fab

Fab РBless (Autoprodotto, 2015) di Emanuele Genovese

Primo ep di Fabrizio Squillace in arte Fab.¬†Sei brani di pop intimistico con arrangiamenti semplici ma efficaci che rendono il lavoro scorrevole. Il ricorso a organo e viola hanno permesso a brani come Sands e I Have a Heart di lasciarsi alle spalle l‚Äôanonimato di un sound stereotipato nell‚Äôambito pop, cosa di cui purtroppo soffrono i pi√Ļ ritmati Time e Bless, orecchiabili ma poco graffianti. Le idee ci sono ma manca un po‚Äô di intraprendenza.

LemminsLemmins EP – Lemmins (Marsiglia Records, 2014) di Silvano Annibali

La band ligure dei Lemmins ci propone un lavoro piuttosto originale nell’ambito della psichedelia. Il loro sound galleggia negli spazi di quella elettrica anni ’90 ma, al contempo, √® squisitamente ancorato alle atmosfere pi√Ļ tipicamente sixties. Originalissime le voci sinuose ed indolenti di Paolo Pretto ed Emanuele Muzio. Il disco suona molto bene anche se si sente la mancanza di un pezzo “trainante” che possa assurgere al ruolo di “single”.

 


Commenti

Stefano Capolongo

Click here to connect!