Home / Dischi / AA.VV. – Circe (Krunk, 2015) di Simone Vinci

AA.VV. – Circe (Krunk, 2015) di Simone Vinci

sig050039-various-artists-circe-2x12-vinyl-z[1]Signori e Signore, ragazzi e ragazze… Ecco a voi un album dei Sigur Ros, fatto da chi suona coi Sigur Ros, ma che non esce a nome Sigur Ros.

Questo era giusto per mettere le cose in chiaro sui primi otto minuti e spicci di Circe, l’album/evento/colonna sonora composto da Georg Holm e Orri Páll Dýrason dei Sigur Ros in collaborazione con Kjartan Holm e il compositore Hilmar Örn Hilmarsson.
Giunta la notizia effettivamente non era ben chiaro di cosa si trattasse, anche perchè l’annuncio è arrivato molto in ritardo rispetto al solito. Sono comparsi commenti all’interno della pagina facebook del gruppo islandese circa un trailer di un qualcosa legato alla BBC: “The Show of Shows”, curioso ma nondimeno inspiegato. Poi arriva agosto, poi esce il singolo, poi il caldo di ferragosto, poi esce il disco su Pitchfork, poi non funziona più il link, poi annunciano che è su Spotify, ma non era vero, poi ricompare, ed eccoci a prendere tempo mentre si cerca di scrivere qualcosa di sensato.

Questo album è stato composto per essere la colonna sonora di “The Show of Shows”, programma della BBC dedicato al mondo del Circo del primo ‘900, durante l’esplosione dei circhi itineranti. Musiche che accompagnano fenomeni da baraccone, uomini forzuti, orsi sulle biciclette, scimmiette, donne cannone, tuffatori in fiamme e altre cose brutte.

720x405-sigur_ros[1]

L’incipit, come già detto prima, è quello di un disco dei Sigur Ros, ma senza la voce di Jonsi, il che lascia presagire che il disco sarà tutto così, ma per fortuna, già dalla traccia successiva, Lila, primo singolo estratto, troviamo un tipo di composizione diversa, con molta più elettronica rispetto a quello che siamo abituati a sentire dal gruppo islandese. Le tracce si susseguono in maniera estremamente piacevole, talvolta con suoni molto familiari, come le sapienti mani strusciate sulle corde del basso di Georg Holm. Arrivati a Tko, la settima traccia, c’è qualcosa che distrae… Il mondo intorno; il perchè è chiaro: la noia. Si perchè l’obbiettivo della colonna sonora, ovviamente, è quello di accompagnare le immagini e, si presume, una voce narrante, quindi deve essere orecchiabile, non fastidiosa e noiosa. Diciamo che fino a questo momento ha centrato il punto, d’altronde non ha niente che non va. Poi arriva la seconda parte dell’album, l’ottava traccia: Filadelfia (A tribute to Siggi Armann) e qualcosa cambia. La traccia è ispirata ai suoni del Siggi Armann cantautore islandese morto nel 2010. L’arpeggio e i suoni eterei richiamano alla mente il compositore Michael Bell. To Boris with Love cambia, sostanzialmente, tutta la colonna sonora. Una cavalcata incalzante in cui compaiono delle voci corali a fare da sfondo a qualcosa che, per fortuna, dà una sferzata di energia all’opera. Con Liquid Bread & Circuses si torna indietro alla prima traccia… qualcosa che somiglia veramente troppo a pezzi come Glòsòli e Svefn-g-Englar della nave-madre Sigur Ros, ma è una colonna sonora, quindi ci può stare qualche suono riciclato. Stesso discorso per Wirewalker, che sembra uscire da Með suð í eyrum við spilum endalaust.

Ma quindi il punto qual è? Sicuramente che non è un disco che rimarrà nella storia, né dei Sigur Ros, né della musica, né tantomeno delle “colonne sonore di successo”, così come siamo certi che il contenuto non sembra effettivamente ispirato dal circo, cioè, tirandolo fuori dal contesto non c’è un suono che sia uno che richiami in qualche modo il mondo circense. E quindi cosa rimane? I suoni dei Sigur Ros, una composizione curata ed efficiente e quello che è una colonna sonora deve avere: noia e pezzi sorprendentemente movimentati.

Da ascoltare solo come esercizio di stile.

TRACKLIST:
1. Ladies and Gentleman, Boys and Girls
2. Lila
3. Hyperbole
4. Torture
5. The Eternal Feminine
6. The Crown of Creation
7. Tko 
8. Filadelfia (A tribute to Siggi Armann)
9. To Boris with Love 
10. Liquid Bread & Circuses
11. Salire
12. Breakfast in the Himalayas 
13. Wirewalker
14. Epilogue


Commenti

Click here to connect!