Home / Dischi / Deftones – Gore (Reprise, 2016) di Francesco Sermarini

Deftones – Gore (Reprise, 2016) di Francesco Sermarini

Gore_-_DeftonesI Deftones sono tra i pochi gruppi della scena alternative metal anni ‘90 ad aver mantenuto un certo standard qualitativo per tutta la loro discografia. Dopo il precedente Koi No Yokan, che virava verso delle sonorità più melodiche, apprezzato universalmente da fan e critica, il gruppo di Chino & co. torna con Gore.

L’album si apre con Prayers/Triangles, nonché prima traccia pubblicata per pubblicizzare il nuovo album, canzone che aveva storto il naso a molti dei fan di vecchia data, compreso il sottoscritto. Riascoltandola, però, migliora notevolmente e risulta molto gradevole. La traccia successiva risponde al nome di Acid Hologram, nome più che appropriato visto che il pezzo ha dei riff molto ipnotici e lenti. Doomed User ci esplode in faccia fin dal primo secondo, una delle tracce più pesanti del disco. Arrivati a questo punto si nota che la voce del frontman Chino Moreno è, come al solito, magnifica. Graffiante, dolce e schizofrenica quando serve, senza mai andare a sforare in scelte stilistiche azzardate.

Geometric Headdress è una buona canzone, senza infamia e senza lode, con sound che ricorda il periodo Diamond Eyes/Saturday Night Wrist. Menzione speciale per Hearts/Wires, con melodie capaci di trasportarti insieme ai fenicotteri presenti in copertina.

Unica grande pecca del disco sono le tre canzoni successive (Pittura Infamante, Xenon e (L)mirl), non capaci di prendere l’ascoltatore tanto quanto le precedenti. La title track è semplicemente sublime nel suo caos, inoltre ci dimostra le ottime capacità del batterista Abe Cunningham. Phantom Bride è la pace dei sensi, arricchito dagli assoli dell’unica guest star dell’album Jerry Cantrell. Rubicon conclude egregiamente l’album, con sonorità tipiche del gruppo.

Gore è un album che ogni fan del gruppo può comprare a scatola chiusa, ennesimo lavoro che ci mostra un gruppo che, nonostante gli anni sulle spalle, è ancora capace di comporre lavori che risultano freschi e interessanti.

Tracklist:

  1. Prayers/Triangles 
  2. Acid Hologram 
  3. Doomed User 
  4. Geometric Headdress 
  5. Hearts/Wires 
  6. Pittura infamante 
  7. Xenon 
  8. (L)MIRL 
  9. Gore 
  10. Phantom Bride 
  11. Rubicon 


Commenti

Click here to connect!