Home / Dischi / Sum 41 – 13 Voices (Hopeless Records, 2016) di Francesco Sermarini

Sum 41 – 13 Voices (Hopeless Records, 2016) di Francesco Sermarini

sum-41-13-voices-indiegestionQuesto 2016 ha visto un vero e proprio ritorno sulle scene di vari gruppi Pop Punk fondamentali nella scena, come i Blink 182, i Good Charlotte o gli Yellowcard. I canadesi Sum 41 non mancano alla lista, tornando con il loro settimo album dopo che ne sono passati ben 5 anni dal precedente Screaming Bloody Murder.

Questo 13 Voices ha fatto alquanto discutere prima della sua uscita per due principali motivi: uno il ritorno del chitarrista storico Dave Baksh, l’altro il nuovo contratto con la Hopeless Records, casa discografica importantissima e conosciuta sicuramente da ogni fan del genere visto che è la stessa casa che produce gruppi come All Time Low o Neck Deep.

Tutti i presupposti e le speranze nell’uscita di un nuovo disco che fosse paragonabile alle glorie del passato sono state, purtroppo, completamente disintegrate. L’album è un riciclaggio di idee già utilizzate dal gruppo in passato, facendoli apparire come una parodia di loro stessi. Canzoni come Goddamn I’m Dead Again o la stessa title track presentano riff e suoni completamente identici a quelli in Screaming Bloody Murder, mentre altre canzoni come Breaking The Chain e The Fall And The Rise non hanno niente di interessante, presentando cose già sentite e risentite più volte, e anche meglio rispetto a come vengono proposte qui. In più se si aggiunge una produzione non proprio perfetta e addirittura confusa in certi punti, non si può fare altro che bocciare questo disco su tutti i fronti. Nota di merito invece per il singolo Fake My Own Death, brano meritevole e che rende bene live.

13 Voices, a parere di chi scrive, è uno dei dischi più deludenti e noiosi del 2016. Ed è veramente un peccato, visto che i presupposti c’erano e in più i Sum 41  sono memori qui in Italia di un concerto avvenuto ad Agosto al Carroponte di Milano che dava l’immagine di una band ancora affiatata e piena di energie. Un vero e proprio fallimento che sarà difficile da superare.

Tracklist:

  1. A Murder of Crows
  2. Goddamn I’m Dead Again
  3. Fake My Own Death
  4. Breaking The Chain
  5. There Will Be Blood
  6. 13 Voices
  7. War
  8. God Save Us All (Death to Pop)
  9. The Fall and the Rise
  10. Twisted by Design


Commenti

Click here to connect!