Home / Live / Afterhours @Obihall teatro di Firenze (foto di Luca Passerotti)

Afterhours @Obihall teatro di Firenze (foto di Luca Passerotti)

”Folfiri o Folfox”, il doppio album uscito nel 2016, è stato al primo posto della classifica degli album più venduti in Italia. Si tratta di 18 canzoni in cui si avvicendano la vita e la morte, toccante è il modo con cui Manuel Agnelli racconta la malattia e la morte del padre da poco ritrovato.

Ad aprire la serata all’ObiHall di Firenze il cantautore toscano Andrea Biagioni, partecipante del talent X factor (in cui Manuel Agnelli ha partecipato in veste di giudice), con suoi inediti e brani reinterpretati (”Hurt” – Nine Inch Nails, ”Halleluja” – Leonard Cohen). Il concerto è proseguito con l’ingresso degli Afterhours, la cui scaletta ha incluso 29 pezzi (con tre encore) maggiormente tratti dall’ultimo album ma non solo, non sono mancati gli storici: ”Ballata per la mia piccola iena”, ”Bye Bye Bombay”, ”Male di miele”, ”Ci sono molti modi”, ”La vedova bianca”.

La rock band milanese nata negli anni ’80 e guidata dal leader Manuel Agnelli è tornata con un tour di 12 date che ha attraversato varie zone dello Stivale e terminerà a Modena il 31 marzo. In ”Folfiri e Folfox” gli Afterhours hanno affrontato non solo il tema della morte, della perdita ma anche quello della rinascita, in un modo vero e sincero, che rispecchia completamente il sentire di chi ha realizzato l’opera.

Il percorso che conduce alla rinascita implica necessariamente uno stato di sofferenza.

recensione di Valeria Surace.


Commenti

Click here to connect!