Home / Dischi / Reveers – To Find a Place (Music Force / Toks Records, 2017) di Giuseppe Grieco

Reveers – To Find a Place (Music Force / Toks Records, 2017) di Giuseppe Grieco

Formatisi nel 2015, i Reveers sono un quartetto proveniente da Udine, dove si sono incontrati per la prima volta, trovatisi insieme per improvvisare facendo una jam session. Dopo qualche mese i quattro cominciano a scrivere degli inediti, inizialmente improvvisati e successivamente levigati in studio con l’apporto di tutti loro. Frutto di questo lavoro, To Find a Place vede la luce nel 2017 grazie alla collaborazione tra Music Force e Tosk Records. Totalmente slegato alla realtà terrena, l’album è un viaggio onirico in cerca di un angolo di paradiso dove metter radici. Di sonorità approssimabili a un pop rallentato o…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Conclusione : Vago

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Formatisi nel 2015, i Reveers sono un quartetto proveniente da Udine, dove si sono incontrati per la prima volta, trovatisi insieme per improvvisare facendo una jam session. Dopo qualche mese i quattro cominciano a scrivere degli inediti, inizialmente improvvisati e successivamente levigati in studio con l’apporto di tutti loro.

Frutto di questo lavoro, To Find a Place vede la luce nel 2017 grazie alla collaborazione tra Music Force e Tosk Records. Totalmente slegato alla realtà terrena, l’album è un viaggio onirico in cerca di un angolo di paradiso dove metter radici. Di sonorità approssimabili a un pop rallentato o a uno slowcore positivo, l’album è fortemente influenzato dai Radiohead, sia nello stile vocale del cantante Ismaele Marangone, in più punti molto somigliante a quello di Thom Yorke, sia in alcune sonorità ambientali che qui troviamo semplificate e alleggerite (non per niente la band ha citato In Raimbows come album fondamentale per la loro visione musicale).

To Find a Place si dimostra un buon album d’esordio, semplice e leggero, certo ancora acerbo nella sua eccessiva mancanza di definizione o in alcuni cali di ritmo, ma in un disco di debutto queste mancanze si possono anche perdonare.

Tracklist:

1. Low to the ground
2. Fortune teller
3. Thesis, antithesis and synthesis
4. Music for a silent film
5. Mosaico
6.Spheres
7. Waves from the sky
8. Blind alley


Commenti

Click here to connect!