Home / Live / Diamond Head@ Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI) (foto di Giovanni Cionci)

Diamond Head@ Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI) (foto di Giovanni Cionci)

Diamond Head. Un nome in grado di far sussultare qualunque amante del buon vecchio heavy metal, quello ancora puro della NWOBHM (New Wave of British Heavy Metal), nata a cavallo tra gli anni 70’ e ’80, di cui gli stessi Diamond Head furono, non a caso, tra le punte di diamante. Senza i Diamond Head probabilmente non ci sarebbero state band del calibro di Metallica e Megadeth, basti pensare ai  tanti omaggi tributati alla band inglese dal quartetto californiano fin dai suoi esordi. Dopo aver attraversato gli anni percorrendo la frequente parabola di ascesa, successo e decadenza, con ripetuti scioglimenti  e reunion, la band inglese è tornata sulla piazza, sfornando un bell’album nel 2016 (l’omonimo Diamond Head) e riportando in giro per l’Europa i fasti di un tempo. Lo scorso 10 Novembre, la band inglese si è esibita presso lo Slaughter Club di Paderno Dugnano (MI), una delle tre date italiane previste. 

Dopo l’apertura, affidata a due interessanti band nostrane (i Venus Mountains e i Run Chicken Run), sale in cattedra la leggenda: a Brian Tatler, chitarrista e fondatore del gruppo, bastano in fatti poche note, quelle dell’arpeggio iniziale di Borrowed Time, per scatenare l’entusiasmo del pubblico. Affiancato da compagni di viaggio vecchi (come il batterista Karl Wilcox, in forza ai Diamond Head dalla reunion del 1991, e il chitarrista Andy Abberley) e nuovi (il cantante Rasmus Bom Andersen), Tatler conduce il pubblico attraverso un viaggio nella storia dell’heavy metal, dimostrando tutta la grinta e l’energia di chi ha davvero contributo a plasmare un genere, fin dalle sue origini. Tutto lo show è un climax ascendente, che culmina nell’attesa Am I evil?, la vera bandiera della band. L’entusiasmo del pubblico è alle stelle, e dopo le ovazioni di rito, Tatler e compagni tornano sul palco regalando altre due gemme: Sucking My Love Streets of Gold, e un annuncio importante del batterista Wilcox: è in lavorazione un nuovo album, che vedrà la luce nel 2019, cui seguirà un nuovo tour. Quindi, cari fratelli& sorelle del metal, siete avvisati. I Diamond Head sono tornati. E sono più forti che mai.

Vi lasciamo alla gallery fotografica del nostro Giovanni Cionci.


Commenti

Click here to connect!