Home / Dischi / Morne – To The Night Unknown (Armageddon Label, 2018) di Alessandro Magister

Morne – To The Night Unknown (Armageddon Label, 2018) di Alessandro Magister

Sebbene si tratti del quarto disco di questa crust-metal band americana, non ho problemi ad ammettere di non avere grossa familiarità con questi simpatici ragazzoni americani. Grosso peccato, cui si è rimediato molto in fretta grazie ai prodigi della moderna tecnologia. Mai come in questo caso credo sia inutile discutere troppo di generi, sottogeneri e derivazioni. Trattasi di doom misto a crust, certo ma si può semplicemente definire come musica ben scritta, ben prodotta e pesante, davvero molto pesante. Se proprio vogliamo trovare un limite a questo To The Night Unknown, è la lunghezza eccessiva. Data la complessità dei brani, i Morne avrebbero potuto tranquillamente tagliarne un paio, salvarli per il futuro senza che il disco perdesse molto della propria identità. Roba di poco conto se prestiamo attenzione a tutti gli altri dettagli: valanga di riff, suoni decadenti mischiati ad altri più violenti, assoli old-school, linea di basso che fa da motore silenzioso alla band, tastiera mai invadente. Ognuno di noi ha un modo diverso di approcciarsi ad un nuovo ascolto: chi scrive, ad esempio, presta subito attenzione alle durate delle canzoni. Il pregiudizio è quello per cui, in molti casi, in un brano lungo ci siano inutili riempitivi o noiose ripetizioni. Non è questo il caso. La bravura della band è quella di scrivere canzoni che si evolvono col passare dei minuti; ti fissi con un riff e dopo poco ne arriva un altro ancora più pesante a cambiare la struttura. Tra tutte, menzione particolare per le bellissime Scorn e Not our flame. Merita un ascolto, non rimarrete delusi.

Tracklist:

  1. To The Night Unknown
  2. Not Our Flame
  3. The Blood Is Our Own
  4. Scorn
  5. Show Your Wounds
  6. Night Awaits The Dawn
  7. Shadowed Road
  8. Surrendering Fear


Commenti

Click here to connect!