Home / Dischi / Be Forest – Knocturne (We Were Never Being Boring, 2019) di Giuseppe Grieco

Be Forest – Knocturne (We Were Never Being Boring, 2019) di Giuseppe Grieco

Il 2019 segna il ritorno dei Be Forest, gruppo italiano assente dal 2014, anno di uscita di Earthbeat e della sua derivazione pagana. La lunga attesa è stata ripagata con Knocturne, che si discosta dal penultimo album puntando invece su un marcato shoegaze, avvicinandosi quindi all’iniziale Cold. Idealmente diviso in due sezioni dai brani strumentali Atto I e Atto II, Knocturne è un invito semi-esplicito all’unione con l’oscurità. Rimandano a ciò sia la copertina, che vede due pallide mani aprire un drappo nerissimo in un silente invito rivolto all’osservatore, sia il nome stesso dell’album, una crasi tra le parole…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Il 2019 segna il ritorno dei Be Forest, gruppo italiano assente dal 2014, anno di uscita di Earthbeat e della sua derivazione pagana.

La lunga attesa è stata ripagata con Knocturne, che si discosta dal penultimo album puntando invece su un marcato shoegaze, avvicinandosi quindi all’iniziale Cold.

Idealmente diviso in due sezioni dai brani strumentali Atto I e Atto II, Knocturne è un invito semi-esplicito all’unione con l’oscurità. Rimandano a ciò sia la copertina, che vede due pallide mani aprire un drappo nerissimo in un silente invito rivolto all’osservatore, sia il nome stesso dell’album, una crasi tra le parole inglesi knock e nocturne (anche stavolta niente italiano, ma va bene così).

Tre sono gli strumenti utilizzati per il disco, tutti fondamentali per la riuscita del sound in generale e delle singole tracce, insieme all’importante stile di canto, sospeso tra il minaccioso e l’etereo. Una batteria sepolcrale, una chitarra tagliente e un basso corposo come un colpo di frusta. Tanto basta ai nostri tre ragazzi per rendere questo disco coeso e monolitico, andando dai momenti quasi tribali di K e Sigfrido, passando per l’oniricità allucinata di Empty Space o Bengala, per arrivare alla rarefazione di You, Nothing.

Coerenti con il loro passato, i Be Forest non apportano novità al loro repertorio, ma confermano ancora una volta il loro status di band culto italiana nel panorama shoegaze ed oltre.

Tracklist:

  1. Atto I
  2. Empty Space
  3. Gemini
  4. K
  5. Sigfrido
  6. Atto II
  7. Bengala
  8. Fragment
  9. You, Nothing


Commenti

Click here to connect!