Home / Dischi / Cieli Neri Sopra Torino – Babilonia (Orzorock Music, 2019) di Giuseppe Grieco

Cieli Neri Sopra Torino – Babilonia (Orzorock Music, 2019) di Giuseppe Grieco

I Cieli Neri Sopra Torino nascono ad Acqui Terme nel 2010 per volere di Mauro Caviglia (voce, chitarra) e Gian Piero Morfino (batteria, percussioni). Il duo si fa conoscere a suon di concerti e autoproduzioni, vincendo premi come il Musica Luce e il Riccardo Mannerino. Nel 2016 pubblicano il loro primo album omonimo per l'etichetta piacentina Orzorock. Nel corso del 2017 il gruppo, con l'assetto definitivo a due elementi, incide il disco Babilonia: realizzato al Greenfoog Studio di Genova con la collaborazione artistica di Mattia Cominotto (registrazioni, mixaggio, chitarre) e Giovanni Facelli (elettronica, chitarra, cori), vede la partecipazione di…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : 2.6 ( 1 voti)
I Cieli Neri Sopra Torino nascono ad Acqui Terme nel 2010 per volere di Mauro Caviglia (voce, chitarra) e Gian Piero Morfino (batteria, percussioni). Il duo si fa conoscere a suon di concerti e autoproduzioni, vincendo premi come il Musica Luce e il Riccardo Mannerino. Nel 2016 pubblicano il loro primo album omonimo per l’etichetta piacentina Orzorock.

Nel corso del 2017 il gruppo, con l’assetto definitivo a due elementi, incide il disco Babilonia: realizzato al Greenfoog Studio di Genova con la collaborazione artistica di Mattia Cominotto (registrazioni, mixaggio, chitarre) e Giovanni Facelli (elettronica, chitarra, cori), vede la partecipazione di Francesco Seitone (chitarra) e di Luca Olivieri, in sede live.

Pur essendo un disco pop, Babilonia cozza un po’ con quella che è la realtà del cantautorato italiano. La nota che lo contraddistingue è quella di ironico cinismo, usato per interpretare una realtà che diventa sempre più ambigua. A tal proposito, la band afferma che Babilonia è un disco figlio dei tempi che viviamo, entrando in quest’ottica se ne capisce il senso.

Lo stile di scrittura dei brani è cupo, ma non manca di energia, vedasi Eleonora, pezzo da rock arena, oppure Apocalisse, certificata col primo premio al Varigotti Festival – Premio Nazionale per la Canzone d’Autore. La voce graffiante di Caviglia va dalla critica sociale di Ben al buio dell’esistenza di Fiume, fino al senso di perdita di Storia di un Dj.

Incisivi ma orecchiabili, i Cieli Neri Sopra Torino sapranno accattivarsi il pubblico del pop rock italiano, Babilonia lo dimostra. In attesa di altri lavori, facciamoci ammaliare da questo cielo plumbeo.

Tracklist:

1. L’ombra
2. Eleonora
3. Apocalisse
4. Ben
5. Storia di un dj
6. Cieli neri sopra Torino
7. Occhi chiari
8. Fiume


Commenti

Click here to connect!