Home / Dischi / Rhapsody Of Fire – The Eighth Mountain (AFM Records, 2019) di Alessandro Magister

Rhapsody Of Fire – The Eighth Mountain (AFM Records, 2019) di Alessandro Magister

Vi ricordate di come le vicissitudini di Brooke Logan e Ridge Forrester hanno marchiato in modo indelebile la vostra infanzia? Ognuno di noi aveva la mamma/zia di turno fan di Beautiful; matrimoni improvvisi, separazioni, divorzi e morti apparenti. Ecco, nulla a confronto di ciò che è accaduto alla coppia, di compositori, Luca Turilli e Alex Staropoli con il cantante Fabio Lione come guest star. Dopo anni di questioni legali, cambi di nome e di etichetta discografica oltre a screzi vari, il risultato è che Staropoli ha scelto un nuovo batterista, un nuovo cantante e il 2019 ci presenta l'ultima…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Voto Utenti : 4.68 ( 2 voti)
Vi ricordate di come le vicissitudini di Brooke Logan e Ridge Forrester hanno marchiato in modo indelebile la vostra infanzia? Ognuno di noi aveva la mamma/zia di turno fan di Beautiful; matrimoni improvvisi, separazioni, divorzi e morti apparenti. Ecco, nulla a confronto di ciò che è accaduto alla coppia, di compositori, Luca Turilli e Alex Staropoli con il cantante Fabio Lione come guest star.

Dopo anni di questioni legali, cambi di nome e di etichetta discografica oltre a screzi vari, il risultato è che Staropoli ha scelto un nuovo batterista, un nuovo cantante e il 2019 ci presenta l’ultima fatica dei suoi Rhapsody Of Fire. Da un punto di vista narrativo, Staropoli assieme al chitarrista De Micheli  ha sviluppato la “Nephilim’s Empire Saga” e questo è il suo primo capitolo, come a voler rappresentare musicalmente l’inizio di una nuova fase di vita. Sicuramente non deve essere stato facile vedere andar via Lione e assistere alla propria creatura musicale che va avanti lasciandoti in disparte e questo contribuisce ad arricchire il significato di questo The Eighth Mountain.

Il rischio, in questi casi, è quello di strafare. Chiariamo subito, allora, che è impossibile parlare di flop e la formula musicale non scontenterà di certo i fan del power metal sinfonico. Anzi. Sfido chiunque a non rimanere colpiti dal range vocale di Giacomo Voli, perfettamente calato nella parte e capace di destreggiarsi senza fatica tra i diversi cambi di ritmo e tonalità. Davvero notevole anche l’utilizzo di cori e della Orchestra Nazionale Sinfonica della Bulgaria. L’opener strumentale Abyss Of Pain accompagna l’ascoltatore tra suoni di archi, corni e voci angeliche. Chi scrive non ama particolarmente le intro invadenti e fortunatamente non è questo il caso. I tre brani che seguono tolgono ogni dubbio sulla bontà dell’opera: una corsa fatta di riff taglienti, ritmiche serrate e ritornelli utili a creare la giusta atmosfera. Ottimo il lavoro di De Micheli alla chitarra, senza sbavature e pieno di espressività ma su tutti spicca la maestria e l’ispirazione di Staropoli, davvero notevole. In questa prima sezione segnaliamo Master Of Peace, utile in particolare a Giacomo Voli per mostrare la straordinaria estensione vocale. Con le successive White Wizard, Warrior Heart e The Courage To Forgive i ritmi si abbassano per lasciare maggior spazio alle armonie e alle atmosfere.

L’album raggiunge il culmine con quello che è destinato a diventare un classico della band ossia la suite March Against The Tyrant. Da qui in poi il disco si tinge di chiaroscuri; in particolare in Clash Of Times sembra prevalere un senso di eccessivo rimando al passato e, in misura ancora maggiore, la suite finale Tales Of a Hero’s Fate appare quasi il tentativo di far felici i fan di vecchia data ma rischia di esaurirsi in un banale deja vu. A chiudere il primo capitolo di una nuova era musicale per Staropoli e compagni vi è la voce di Sir Christopher Lee, in una delle sue ultime registrazioni. Sicuramente un momento toccante che farà felici molti. La produzione è curata e ben fatta, così come l’artwork. In definitiva, questo album ha il pregio di voler aprire una nuova strada e lo fa portandosi dietro qualche piccola pecca ma non tanto da inficiarne il valore complessivo. Sicuramente ci lascia speranzosi e ottimisti per il futuro.

Tracklist:

  1. Abyss Of Pain
  2. Seven Heroic Deeds
  3. Master Of Peace
  4. Rain Of Fury
  5. White Wizard
  6. Warrior Heart
  7. The Courage To Forgive
  8. March Against The Tyran
  9. Clash Of Times
  10. The Legend Goes Onù
  11. The Wind, The Rain And The Moon
  12. Tales Of A Hero’s Fate


Commenti

Click here to connect!