Home / Dischi / Irina Nëstor – One Day You’ll Miss Today (Autoproduzione, 2019) di Giuseppe Grieco

Irina Nëstor – One Day You’ll Miss Today (Autoproduzione, 2019) di Giuseppe Grieco

Nel 2017 cinque musicisti si incontrano a Roma. Tutti loro hanno una vasta esperienza nel panorama underground nazionale (Zerofans, Rocky Horror Fuckin' Shit, Sparkling Elements, Winter Severity Index, Two Naked Oceans). Quel giorno nascono gli Irina Nëstor. One Day You'll Miss Today è un album che difficilmente si fa inquadrare in un genere preciso. Dovessi provare a darne una definizione, vi direi che è rock elettronico. Ma sarebbe imprecisa: vi sono tanti altri elementi presi in prestito da altri generi musicali, quali il post-rock, l’ambient, il trip hop, e anche una certa IDM acida. Sin dalla prima traccia 'Night,…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Nel 2017 cinque musicisti si incontrano a Roma. Tutti loro hanno una vasta esperienza nel panorama underground nazionale (Zerofans, Rocky Horror Fuckin’ Shit, Sparkling Elements, Winter Severity Index, Two Naked Oceans). Quel giorno nascono gli Irina Nëstor.

One Day You’ll Miss Today è un album che difficilmente si fa inquadrare in un genere preciso. Dovessi provare a darne una definizione, vi direi che è rock elettronico. Ma sarebbe imprecisa: vi sono tanti altri elementi presi in prestito da altri generi musicali, quali il post-rock, l’ambient, il trip hop, e anche una certa IDM acida.

Sin dalla prima traccia ‘Night, Mr. Lenin si può percepire la vincente miscela tra questi generi diversi. Un pulsare elettronico fa da base a un pezzo rock che va mostrando i muscoli verso la fine. In Arpeggio means nothing invece sono le tranquille sonorità post-rock a regnare, come anche in Milgram, che però si presenta più acida.

Si passa poi all’inquietezza di Alpha, ricca di suspense quasi cinematografica. Con Hawaii si ritorna a un certo post-rock molto elettronico, con possenti riff di synth. Radio Guerilla è il pezzo che si avvicina di più allo stilema di post-rock classico, lasciando poi il passo alla possente Pride of Nations, brano conclusivo.

A conti fatti, non si può che restare soddisfatti da One Day You’ll Miss Today. Nel loro disco di debutto gli Irina Nëstor sono riusciti a legare vari elementi anche distanti tra loro, senza che il risultato fosse scomposto o non equilibrato, traendo nella sua particolarità e nella sua difficile definizione la sua forza maggiore.

Tracklist:

1. ‘Night, Mr. Lenin
2. Arpeggio means nothing
3. Milgram
4. Alpha
5. Hawaii
6. Now
7. Radio Guerrilla
8. Pride of Nations


Commenti

Click here to connect!