Home / Dischi / Pedro The Lion – Phoenix (Polyvinyl Records, 2019) di Gianni Vittorio

Pedro The Lion – Phoenix (Polyvinyl Records, 2019) di Gianni Vittorio

David Bazan è l’artefice del progetto Pedro The Lion, con il quale il songwriter è tornato alle sue origini, nella sua Phoenix (Arizona). Ma è anche un ritorno alle sue origini musicali. Si sente già dalle prime note una forte influenza al sound del rock americano tradizionale. Il brano indie perfetto è Poweful Taboo, tipico dello stile lo-fi di Bazan; ma la collezione dei pezzi che compongono l’album non ripetono la stessa formula. Ci sono canzoni più grintose, dove la ritmica è dominante (Model Homes; Clean up), alla quale si aggiunge una qualità compositiva sopra la media (ottime le…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
David Bazan è l’artefice del progetto Pedro The Lion, con il quale il songwriter è tornato alle sue origini, nella sua Phoenix (Arizona). Ma è anche un ritorno alle sue origini musicali. Si sente già dalle prime note una forte influenza al sound del rock americano tradizionale.

Il brano indie perfetto è Poweful Taboo, tipico dello stile lo-fi di Bazan; ma la collezione dei pezzi che compongono l’album non ripetono la stessa formula. Ci sono canzoni più grintose, dove la ritmica è dominante (Model Homes; Clean up), alla quale si aggiunge una qualità compositiva sopra la media (ottime le linee di chitarre leggermente sporche), o la nostalgica Yellow Bike, che mostra nel videoclip di lancio il figlio Nils percorrere con la bicicletta le strade del paese natale.

Ma le perle le troviamo nel lotto di brani più intimisti, nella dolce Circle K, che ci emoziona per la sua capacità evocativa e narrativa. Si nota una certa volontà di cambiare, di variare registro, ed il risultato è ottimamente riuscito. Sul versante dei testi D. Bazan è sempre il grande compositore e paroliere che conosciamo (How do you stop a rolling stones? How will you know you’re finally home, finally home).

Gran finale con il gospel di Leaving the valley, ricco di echi beatlesiani. Un lavoro nostalgico e malinconico per un artista che ha dimostrato negli anni di essere stato sincero in tutto quello che ha fatto. Liberi da schermi e generi i Pedro The Lion esprimono la loro musica con la spensieratezza di un ragazzino, ma con la consapevolezza di una maturità artistica ormai raggiunta.

Emozionante.

Tracklist:

  1. Sunrise
  2. Yellow Bike
  3. Clean Up
  4. Powerful Taboo
  5. Model Homes
  6. Piano Bench
  7. Circle K
  8. Quietest Friend
  9. Tracing the Grid
  10. Black Canyon
  11. My Phoenix
  12. All Seeing Eye
  13. Leaving the Valley


Commenti

Click here to connect!