Home / Dischi / Thom Yorke – ANIMA (XL Recordings, 2019) di Gianni Vittorio

Thom Yorke – ANIMA (XL Recordings, 2019) di Gianni Vittorio

Dopo cinque anni di silenzio (esclusa la colonna sonora per il film Suspiria) ritorna il leader dei Radiohead con il suo nuovo album solista dal titolo evocativo Anima. L’opener Traffic è un brano intriso di beat ed elettronica; il viaggio sonoro prosegue con sonorità  space (Last I Heard (… He Was Circling The Drain), mentre in altri momenti si lascia più spazio a pezzi ambient-robotici (Twist, Not the news). Down chorus Thom ci rimanda nel passato dei Radiohead più sperimentali (siamo dalle parti di In Rambows). Il mood di fondo fatto di elettronica, campionamenti e loop si ripete con…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Voto Utenti : 4.5 ( 1 voti)
Dopo cinque anni di silenzio (esclusa la colonna sonora per il film Suspiria) ritorna il leader dei Radiohead con il suo nuovo album solista dal titolo evocativo Anima.

L’opener Traffic è un brano intriso di beat ed elettronica; il viaggio sonoro prosegue con sonorità  space (Last I Heard (… He Was Circling The Drain), mentre in altri momenti si lascia più spazio a pezzi ambient-robotici (Twist, Not the news). Down chorus Thom ci rimanda nel passato dei Radiohead più sperimentali (siamo dalle parti di In Rambows). Il mood di fondo fatto di elettronica, campionamenti e loop si ripete con I am a  Very Rude Person, forse a significare che le idee sono ormai finite.

Molto più interessante la parte finale con Impossible Knots, in cui il suono pulsante dei bassi è esplosivo, mentre la batteria, dall’andamento jazz, è suonata finalmente da un vero batterista (Philip Selway). Ne viene fuori un intreccio musicale nel quale il digitale è ormai dominante, dando vita ad un disco claustrofobico e straniante.

Ed anche se l’album si salva in extremis, grazie alla perla finale intitolata Runwayaway, unico brano ad avere una chitarra nell’arrangiamento, sembra troppo poco per un disco che rappresenta la pallida copia di un artista iconico, che in passato ci ha illuminato con canzoni cult (Creep fra tutte), simbolo della generazione 2000.

In questi giorni Thom Yorke sta facendo il suo tour europeo con alcune tappe previste in Italia. Un ulteriore prova che ormai il suo percorso musicale è completamente autonomo, indirizzato ormai verso atmosfere e rumori d’avanguardia.

Alieno.

Tracklist:

1. Traffic
2. Last I Heard (…He Was Circling The Drain)
3. Twist
4. Dawn Chorus
5. I Am A Very Rude Person
6. Not The News
7. The Axe
8. Impossible Knots
9. Runwayaway


Commenti

Click here to connect!