Home / Dischi / Holding Patterns – Endless (To Lose La Track/Vested Interest/Stiff Slack, 2019) di Francesco Sermarini

Holding Patterns – Endless (To Lose La Track/Vested Interest/Stiff Slack, 2019) di Francesco Sermarini

Nati come fenici dalle ceneri dei Crash of Rhinos, gli inglesi Holding Patterns si impongono per dare fabbisogno a tutti coloro i quali sono a digiuno di punk rock con influenze emo. Obiettivo della band è esplorare ed affinare quel tipo di sonorità che trovò molta fortuna negli anni ’90, poco prima delle diramazioni più pop che ben conosciamo ancora oggi. Questo debutto dal nome Endless suona già maturo fin dai primi minuti, e non avrebbe potuto essere altrimenti con i nostri che militano all’interno della scena da almeno 15 anni. Un merito del trio è quello di sapersi…

Score

Concept
Artwork
Potenzialità

Conclusione : Punk Rock come si deve

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Nati come fenici dalle ceneri dei Crash of Rhinos, gli inglesi Holding Patterns si impongono per dare fabbisogno a tutti coloro i quali sono a digiuno di punk rock con influenze emo. Obiettivo della band è esplorare ed affinare quel tipo di sonorità che trovò molta fortuna negli anni ’90, poco prima delle diramazioni più pop che ben conosciamo ancora oggi.

Questo debutto dal nome Endless suona già maturo fin dai primi minuti, e non avrebbe potuto essere altrimenti con i nostri che militano all’interno della scena da almeno 15 anni. Un merito del trio è quello di sapersi muovere in maniera fluida all’interno del loro genere di appartenenza, portando qualcosa di non scontato e interessante. Molto spesso capiterà di trovarci di fronte ad armonie e composizioni che portano alla costruzione di un’architettura complessa, ma senza abbandonare per forza una certa immediatezza che porta ad apprezzare il lavoro anche ad un ascolto più superficiale.

Si tratta di un disco che richiede un certo impegno nell’essere assimilato a pieno. In alcuni momenti potrebbe risultare troppo allungato nel minutaggio di certe canzoni, ma il risultato complessivo è positivo. Quello degli Holding Patterns è un debutto ambizioso, il rischio di perdersi e creare un disco annacquato era dietro l’angolo, ma i nostri sono riusciti a portare a casa un risultato più che sufficiente e che segna un buon punto di inizio per un nuovo futuro.

Tracklist:

1. Glow
2. At Speeds
3. First Responder
4. Centered At Zero
5. No Accident
6. Pyre
7. Dust
8. This Shot Will Ring
9. Endless
10. House Fire
11. Long Dead
12. Momentarily


Commenti

Click here to connect!