Home / Dischi / Vaniggio – Solo Un Sogno (Music Force, 2019) di Giuseppe Grieco

Vaniggio – Solo Un Sogno (Music Force, 2019) di Giuseppe Grieco

Vaniggio alias Ivan Griggio, nel 1972 nasce e vive in Svizzera. Nel 1986 comincia a suonare il basso come autodidatta e in seguito, sotto la guida del Maestro Massimo Scoca, inizia la sua formazione musicale. Entra a far parte di varie formazioni, tra cui spiccano i Versivari, gruppo di punta del Ticinese. Dopo aver accumulato esperienze su esperienze, giunge nel 2018 a pubblicare il singolo A volte basta, che anticipa il suo full-lenght di debutto, intitolato Solo Un Sogno. Il disco prende a piene mani (troppo) dalla tradizione pop rock che vede in Vasco Rossi la sua stella cometa.…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : 2.5 ( 1 voti)
Vaniggio alias Ivan Griggio, nel 1972 nasce e vive in Svizzera. Nel 1986 comincia a suonare il basso come autodidatta e in seguito, sotto la guida del Maestro Massimo Scoca, inizia la sua formazione musicale. Entra a far parte di varie formazioni, tra cui spiccano i Versivari, gruppo di punta del Ticinese. Dopo aver accumulato esperienze su esperienze, giunge nel 2018 a pubblicare il singolo A volte basta, che anticipa il suo full-lenght di debutto, intitolato Solo Un Sogno.

Il disco prende a piene mani (troppo) dalla tradizione pop rock che vede in Vasco Rossi la sua stella cometa. Le melodie sono a cavallo tra il melodico e l’heavy, con una particolare predilezione per l’uso del sintetizzatore Hammond, il cui uso massivo dona leggermente personalità al lavoro, in generale suonato bene.

Purtroppo però questo non basta a salvare Solo Un Sogno dal mare di piatta scontatezza in cui annaspa senza uscire. La scrittura dei pezzi è banale, senza personalità o spunti che facciano davvero distinguere i brani uno dall’altro e, in generale, il disco tra le altre uscite del genere. Il linguaggio è, a mio avviso, usato erroneamente: non basta dire frasi incazzate o politicamente scorrette per rendere un disco duro, bisogna saper usare le parole, interpretarle e calarle nel senso che si vuole esprimere. Su questo punto bisogna lavorare parecchio.

Spiace dire che ci troviamo di fronte a un disco che si dimentica subito dopo l’ascolto, senza lasciare alcunché. Preso atto di queste mancanze, la prossima fatica potrebbe essere più riuscita.

Tracklist:

1. A Volte Basta
2. Amoreuncazzo
3. Ogni Vestito
4. Dai Un Nome Alle Cose
5. Solo Un Sogno
6. Mai Come Sembra
7. Una Carezza Non Vuol Dire Amore
8. Favole
9. Stessi Sbagli


Commenti

Click here to connect!