Home / Dischi / Pixies – Beneath The Eyrie (BMG/Infectious, 2019) di Gianni Vittorio

Pixies – Beneath The Eyrie (BMG/Infectious, 2019) di Gianni Vittorio

A volte l’entusiasmo viene smontato al primo ascolto. Per fortuna non è il caso dei Pixies post reunion. Il loro ultimo disco in studio – Beneath the Eyrie – fa centro risultando uno dei migliori, esclusa la trilogia Surfer Rosa/Doolittle/Bossanova. La maggiore  novità di questo nuovo lavoro, oltre alla presenza in pianta stabile di Paz Lechantin (in sostituzione di Kim Deal), è la voglia di rimettersi in gioco, aggiungendo nuovi stili al punk-rock tipico del loro sound. Da menzionare il blues sporco à la Tom Waits di This is my fate, e la ballata triste di Silver bullet. C’è…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Voto Utenti : 3.6 ( 1 voti)

A volte l’entusiasmo viene smontato al primo ascolto. Per fortuna non è il caso dei Pixies post reunion. Il loro ultimo disco in studio – Beneath the Eyrie – fa centro risultando uno dei migliori, esclusa la trilogia Surfer Rosa/Doolittle/Bossanova.

La maggiore  novità di questo nuovo lavoro, oltre alla presenza in pianta stabile di Paz Lechantin (in sostituzione di Kim Deal), è la voglia di rimettersi in gioco, aggiungendo nuovi stili al punk-rock tipico del loro sound.

Da menzionare il blues sporco à la Tom Waits di This is my fate, e la ballata triste di Silver bullet. C’è spazio pure per il grunge, presente in Long River. Si battono anche territori dark e psichedelici, come nella stupefacente Los surfer muertos, brano dall’andamento morriconiano, quasi un folk in salsa messicana. Non manca nemmeno il cantato a due voci (il singolo Catfish kate) con rimandi al loro capolavoro Doolittle. Un album tutto giocato sull’alternanza tra parti melodiche e parti punk, ma con una prevalenza verso l’alt-pop (Ready for love ne è un esempio emblematico).

Sicuramente non si può parlare di ritorno alle origini, anzi, ma la voglia di continuare a calcare i palchi e suonare live li ha fatti rinascere dopo alcuni passaggi a vuoto, realizzando un disco che pur non avendo la forza punk del passato si colloca tra le cose migliori della loro recente discografia.

Ben tornati Pixies.

Tracklist:

  1. In the Arms of Mrs. Mark of Cain
  2. On Graveyard Hill
  3. Catfish Kate
  4. This Is My Fate
  5. Ready for Love
  6. Silver Bullet
  7. Long Rider
  8. Los Surfers Muertos
  9. St. Nazaire
  10. Bird of Prey
  11. Daniel Boone
  12. Death Horizon


Commenti

Click here to connect!