Home / Dischi / The Lust Syndacate – Capitalism Is Cannibalism (Trisol Music Group, 2019) di Francesco Sermarini

The Lust Syndacate – Capitalism Is Cannibalism (Trisol Music Group, 2019) di Francesco Sermarini

Se mi è permesso fare una piccola digressione personale, ascoltare questo Capitalism Is Cannibalism mi ha dato le stesse sensazioni che provai guardando il celebre film cult “Essi Vivono” di Carpenter. Sicuramente l’immaginario creato dai The Lust Syndacate (capitanati da Simone Salvatori, già membro degli Spiritual Front) parte da quel tipo di concezione della società tipicamente carpenteriana e sotto certi aspetti punk. Ma, esattamente come quello che sentii guardando la pellicola, il tutto risulta eccessivamente ridondante e stucchevole. Il tentativo dei nostri di creare un industrial elettronico martellante è riuscito senza alcun dubbio, ma il disco è fin troppo…

Score

Concept
Artwork
Potenzialità

Conclusione : We live in a society

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Se mi è permesso fare una piccola digressione personale, ascoltare questo Capitalism Is Cannibalism mi ha dato le stesse sensazioni che provai guardando il celebre film cult “Essi Vivono” di Carpenter. Sicuramente l’immaginario creato dai The Lust Syndacate (capitanati da Simone Salvatori, già membro degli Spiritual Front) parte da quel tipo di concezione della società tipicamente carpenteriana e sotto certi aspetti punk. Ma, esattamente come quello che sentii guardando la pellicola, il tutto risulta eccessivamente ridondante e stucchevole.

Il tentativo dei nostri di creare un industrial elettronico martellante è riuscito senza alcun dubbio, ma il disco è fin troppo prolisso e pieno di filler, come i vari interludi Statement, nei quali per due minuti si sente una base noise monotona mentre sopra vengono esposti monologhi sulla società, i suoi problemi e così via. Il tutto ripetuto per 7 volte. I temi trattati sono certamente importanti e pressanti soprattutto ai giorni nostri, ma l’effetto creato da questo Capitalism Is Cannibalism è di pesantezza, questa non dovuta alla musica però.

Tracklist:

  1. Statement: Consenting Victims
  2. Death Moves Towards Us
  3. Utopia as Violence 
  4. Statement: Flattering of Humanity
  5. One Creed
  6. Statement: The Lords of Globalization
  7. From Despair to New Barbarism
  8. Statement: Plurality of Emptiness
  9. Desert Future
  10. Statement: The United States of Slavery
  11. Financial Aristocracy
  12. Statement: Eupagallows
  13. Black Virgin-Stabbed Jesus
  14. Capitalism as Religion 
  15. Statement: The Church of Demise
  16. The Word of God (Is His Sperm)
  17. Capitalism as Religion, Pt. 2
  18. Statement: Gasping Consumer


Commenti

Click here to connect!