Home / Live / Blicher, Hemmer, Gadd: live @Druso – Ranica (BG) – (foto di Giovanni Cionci)

Blicher, Hemmer, Gadd: live @Druso – Ranica (BG) – (foto di Giovanni Cionci)

Lo scorso 28 Novembre un trio più unico che raro, composto da Michael Blicher (sax), Dan Hemmer (hammond) e Steve Gadd (batteria) ha incantato il pubblico del Druso di Ranica (BG). La band nasce  nel 2014 dall’incontro quasi casuale tra il gigante della batteria Steve Gadd, unanimemente considerato il più grande batterista tutt’ora in attività, e il pluripremiato sassofonista danese Michael Blicher, a cui si è poi aggiunto Dan Hemmer, vero “mago” dell’hammond. Tre album all’attivo, l’ultimo dei quali, Get That Motor Runnin’, uscito lo scorso 1 Novembre,  in cui il jazz strizza l’occhio al soul e al blues.

Davvero un trio delle meraviglie dunque, che sale sul palco di fronte ad un pubblico sicuramente con grandi aspettative. Blicher, principale compositore dei brani della band, è l'”anfitrione” della serata: suo è il compito di presentare i brani, così come quello di tessere i rapporti con il pubblico, coinvolgendolo nello spettacolo con garbo ed ironia, e nello stesso tempo lasciandolo a bocca aperta quando, abbandonato il microfono, diventa una cosa sola con il suo sax, fondendo insieme espressività, calore e grande tecnica. Dan Hemmer, dal canto suo, mostra ampiamente di meritare la propria fama: il suo hammond dialoga incessantemente con il sax di Blicher, supportandolo, incalzandolo o sfidandolo durante i lunghi e numerosi assoli che si susseguono di brano in brano. Ma su entrambi troneggia la perfezione di Steve Gadd: colui che forse più di chiunque altro rappresenta la Storia della batteria, si dimostra il vero cuore pulsante della band. Non importa se usi le bacchette o le spazzole: dinamica, espressività e raffinatezza sono sempre presenti. Gadd  stupisce per la pulizia, la tecnica sopraffina e nello stesso tempo per la sua “non invasività”, mettendo il suo strumento costantemente “al servizio” dei suoi compagni di band. Non a caso, di lui ha detto il suo amico Chick Corea “Tutti i batteristi vorrebbero suonare come Steve, perchè lui suona in modo perfetto”. I brani su susseguono l’uno dopo l’altro, mettendo in luce gli straordinari talenti dei tre musicisti, così come la loro grande sintonia e soprattutto l’amore condiviso per il jazz ed il soul, incarnatosi in questo progetto.

Siete curiosi di sapere qualcosa in più sulle origini del trio e su questo leggendario batterista? Noi di Relics abbiamo avuto la fortuna di intervistare faccia a faccia Steve Gadd..e l’intervista verrà pubblicata prossimamente. Pertanto..stay tuned e, nel frattempo, godetevi la gallery fotografica del nostro Giovanni Cionci.


Commenti

Click here to connect!