Home / Live / Skid Row @Campus Industry Music, Parma (foto di Giovanni Cionci)

Skid Row @Campus Industry Music, Parma (foto di Giovanni Cionci)

Lo scorso 22 Novembre, presso il Campus Industry Music di Parma, imperdibile appuntamento con gli Skid Row, colossi dell’hair metal con oltre 30 anni di carriera alle spalle.

ReD RioT

Ad aprire le danze, una giovane e talentuosa band italiana: i Red Riot, che si distingiuono per un’ottima performance: energia, tanto dinamismo sul palco e brani ben strutturati: da seguire!

Hollowstar

Rapido cambio palco, e giunge il turno di una band davvero sorprendente, gli inglesi Hollowstar. Vittoriosamente guidati dal carismatico cantante e bassista Joe Bonson, che può vantare una voce che ricorda a tratti quella del compianto Chriss Cornell, la band porta sul palco un hard rock granitico, scenografico e decisamente sopra le righe. Le chitarre di Phil Haines e Tom Collett si intrecciano mirabilmente, la sezione ritmica (con il basso di Joe Bonson e la batteria di Jack Bonson) fa un ottimo lavoro e il risultato complessivo è davvero notevole. Complimenti!

Skid Row

Giunge il momento della band più attesa. Si spengono le luci e salgono sul palco gli Skid Row: sono ben tre i membri fondatori tutt’ora in forze alla compagine del New Jersey: il bassista Rachel Bolan e i due chitarristi Scotti Hill e  Dave “The Snake” Sabo, a cui negli ultimi anni si sono aggiunti Rob Hammersmith alla batteria e ZP Theart a ricoprire il ruolo “scomodo” che fu di Sebastian Bach. La band appare in gran forma, con Bolan protagonista assieme ai due vecchi compagni di band e Theart, pur non in forma vocale smagliante, pronto a creare immediatamente il giusto feeling con il pubblico, da frontman di razza. La scaletta è  un vero scrigno di capolavori della band, partendo fortissimo con il trittico Slave to the GrindSweet Little SisterBig Guns, per poi proseguire con altri grandi successi, tra cui non mancano ovviamente la classica I Remember You (cantata a gran voce dal pubblico), l’energica Monkey Business (infarcita di assoli) e, dulcis in fundo, l’immancabile Youth Gone Wild. 

Un grande, atteso ritorno, per una band che ha davvero fatto la storia dell’hard rock e dell’hair metal a cavallo degli anni ’80 e ’90.

Questa la setlist dello show:

  1. Slave To the Grind
  2. Sweet Little Sister
  3. Big Guns
  4. 18 & Life
  5. Piece of Me
  6. Livin’ On a Chain Gang
  7. Ghost
  8. Psycho Therapy
  9. I Remember You
  10. Monkey Business
  11. Makin’ a Mess
  12. We Are the Damned
  13. In a Darkened Room
  14. Youth Gone Wild

Vi lasciamo alla gallery fotografica del nostro Giovanni Cionci.

 

 


Commenti

Click here to connect!