Home / Dischi / Francesco Mascio e Alberto La Neve – I Thàlassa Mas (Manitù Records/Concertone, 2019) di Giuseppe Grieco

Francesco Mascio e Alberto La Neve – I Thàlassa Mas (Manitù Records/Concertone, 2019) di Giuseppe Grieco

I Thàlassa Mas. Che strana parola, cosa vorrà mai dire? A rispondere sono Francesco Mascio e Alberto La Neve, rispettivamente il chitarrista e il sassofonista che, collaborando, hanno dato vita a questo disco dal nome curioso ma vagamente familiare. I Thàlassa mas lo chiamano i Greci, Akdeniz i Turchi, Deti Mesdhe gli albanesi e albahr al'abyad almutawasit gli arabi, mille modi diversi per chiamare lo stesso Mare, quello Mediterraneo. Prodotto dall’etichetta indipendente Manitù Records, insieme alla label Concertone, I Thàlassa Mas è un disco che sogna l’unione, è la world music che condensa culture differenti. Coerentemente, i due musicisti…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : 4.9 ( 1 voti)
I Thàlassa Mas. Che strana parola, cosa vorrà mai dire? A rispondere sono Francesco Mascio e Alberto La Neve, rispettivamente il chitarrista e il sassofonista che, collaborando, hanno dato vita a questo disco dal nome curioso ma vagamente familiare.

I Thàlassa mas lo chiamano i Greci, Akdeniz i Turchi, Deti Mesdhe gli albanesi e albahr al’abyad almutawasit gli arabi, mille modi diversi per chiamare lo stesso Mare, quello Mediterraneo. Prodotto dall’etichetta indipendente Manitù Records, insieme alla label Concertone, I Thàlassa Mas è un disco che sogna l’unione, è la world music che condensa culture differenti.

Coerentemente, i due musicisti non perdono occasione di collaborare con altri esperti del genere: ecco che allora figurano in qualità di ospiti Fabiana Dota (voce in Cano e Neglia e Luna), Jali Babou Saho (voce e kora in Cano) ed Esharef Alì Mhagag (voce in Sognando un’altra Riva).

Ho avuto l’impressione, ascoltando le nove tracce dell’opera, di assistere a una tiepida conversazione tra due amici. La chitarra e il sax dialogano dolcemente, narrandosi vicendevolmente di visioni e storie vissute lungo le sponde di questo mare, esperienze assimilate e rielaborate, infine comunicate. La partecipazione di ulteriori artisti dona la giusta varietà a questo album che fa dello spirito di fratellanza il suo messaggio principale, a toni caldi e colorati simili ad altre band che qui a Relics già conosciamo, ovvero i Maistah Aphrica e gli Afar Combo.

I Thàlassa Mas ha il sapore dell’antico, un messaggio che attraversa i secoli ma rimane sempre attuale.

Tracklist:

  1. Bent El Rhia
  2. I Thàlassa Mas
  3. Cano
  4. Soul in September
  5. Sognando un’altra riva
  6. Vento da est
  7. Holy woods
  8. Neglia i luna
  9. Portrait D’italie


Commenti

Click here to connect!