Home / Dischi / Fukjo – La musica, il mare e la deriva occidentale (Overdub Recordings, 2019) di Sabrina Bizzarri

Fukjo – La musica, il mare e la deriva occidentale (Overdub Recordings, 2019) di Sabrina Bizzarri

In un mare di spasmodica ricerca di un’originalità ormai bistrattata e spesso fine a se stessa, i Fukjo riemergono tirando a lucido quella matrice alt-rock da cui hanno avuto origine. Il che potrebbe apparire anacronistico e fin troppo nostalgico se non fosse per i chiaroscuri psichedelici e una velata impronta progressive di La musica, il mare e la deriva occidentale. Con queste premesse ed il titolo che già di suo spiega molto dell’album, il rischio principale era di perdersi in una terra di mezzo; di ritrovarsi un po’ confusi dalla rarefatta aria di un presente famelico di novità e…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
In un mare di spasmodica ricerca di un’originalità ormai bistrattata e spesso fine a se stessa, i Fukjo riemergono tirando a lucido quella matrice alt-rock da cui hanno avuto origine. Il che potrebbe apparire anacronistico e fin troppo nostalgico se non fosse per i chiaroscuri psichedelici e una velata impronta progressive di La musica, il mare e la deriva occidentale.

Con queste premesse ed il titolo che già di suo spiega molto dell’album, il rischio principale era di perdersi in una terra di mezzo; di ritrovarsi un po’ confusi dalla rarefatta aria di un presente famelico di novità e un paio di occhi troppo nostalgici per essere ancora comunicativi. Ciò che invece ne esce è una spiccata abilità di sottrarsi a questa dicotomia forzata e dare origine a una sintesi piuttosto equilibrata. Di quella nostalgia si prende solo ciò che serve per creare un linguaggio fatto per parlare al plurale, come in Triplo Kaioken ma mantenendo tratti individuali, Isole e Vorticare.

Le tracce hanno nel complesso una struttura e delle dinamiche ritmiche interessanti, supportate anche da un lavoro in studio scrupoloso e attento. Si passa da un registro disinvolto ad uno ben più incisivo attraverso voce che arriva diretta, nonostante a tratti sia un po’ troppo effettata, e sa ben coniugare riflessività ed impeto.

Tracklist:

  1. Fate fuoco
  2. Triplo Kaioken
  3. Martini Dry
  4. A casa tutto bene
  5. Piove a bestia
  6. Isole
  7. Non è il momento Josh
  8. Pianure Alture
  9. Vorticare
  10. Prototipi
  11. Lo show di Gaz

 


Commenti

Click here to connect!