Home / Interviste / Intervista a Steve Gadd, a cura di Giovanni Cionci e Giuseppe Grieco

Intervista a Steve Gadd, a cura di Giovanni Cionci e Giuseppe Grieco

Lo scorso 28 Novembre, noi di Relics-Controsuoni, nelle persone di Giovanni Cionci (G.C.) e Giuseppe Grieco, abbiamo avuto la straordinaria possibilità di intervistare Steve Gadd (S.G.), leggendario batterista statunitense, in occasione della sua esibizione presso il Druso di Bergamo, tappa del tour promozionale per l’ultimo album pubblicato nella formazione a tre, assieme al sassofonista Michael Blicher e all’hammondista Dan HemmerGadd, considerato uno dei più importanti batteristi di tutti i tempi, nonostante la grande fama e una carriera costellata di collaborazioni più che illustri (Paul Simon, Eric Clapton, Chick Corea, Roger Taylor, solo per citarne alcuni), si rivela un artista estremamente gentile e disponibile. Dall’intervista emerge un personaggio sicuramente soddisfatto per quanto costruito nel corso della sua carriera, ma nello stesso tempo umile, consapevole che si possa apprendere qualcosa di importante da chiunque, e pronto a mettere le sue “bacchette” al servizio dei musicisti con cui si trova di volta in volta a suonare, cercando il più possibile di farli sentire a proprio agio ed evitando di giocare il ruolo da “Prima Donna” (che pur potrebbe tranquillamente permettersi di ricoprire). Avremo modo di constatare personalmente, durante il live, la veridicità delle sue parole: un batterista tecnicamente perfetto, ma mai invasivo e sempre in grado di rendere eccezionale ogni brano suonato con il suo tocco impeccabile (potete leggere QUI la recensione del concerto).

Ma veniamo all’intervista:

 

Steve Gadd

 

ENGLISH VERSION

  1. Steve, welcome to Relics – Controsuoni. Let’s start from the beginning. When did you approach drums for the first time?

When I was 3 years old, I was living with my grandparents and my uncle Eddie (who was drummer in the US Army), and one day he gave me drumsticks and a small circular piece of wood, to be used as “silent” drum. That’s how drums enetered in my life.

G.C. – Do you remember what you used to feel, grabbing those sticks?

S.G. – I liked to play, I was fun… you know… I used to play with my uncle at night, it was a very enjoyable time.

 

2) What was the turning point of your career, if there was any?

When I went to New York, that was the turning point, because that’s how I was able to meet a lot of new musicians and I also was able to work with many different players. So that was the real turning point.

 

3) Which artists influenced you the most, as musician?

Paul Simon, Chick Corea, James Taylor, Eric Clapton..you know, from everybody that you work with, you have something to learn..and so I think everybody along the way helps you become who you are, if you’re open to try to communicate with them and listen to their ideas..so you can learn from everybody.

 

4) Among the artists you played with, is there anyone that you remember with more affection than others?

Well..The ones that I worked with for many years like Paul Simon..You know, I worked with him for many years, so I had very fun memories of him and also of people that were friends of mine that worked with him at that time, just like Tony Levin, Eric Gale, Anthony Jackson… you know, it’s not like I call those people everyday, but I consider them more than just work collegues, because we spent so much time together. I mean, Eric Clapton, James Taylor, Chick Corea…And then a lot of musicians that I played with over the years. I feel close to all those people in this business.

 

5) Is there an artist, a musician, that you’d like to play with, but you’ve never played with, till now?

I don’t think about that, I’m happy to play with people I have a chance to play with.. But I would like to..I would’ve liked to play with Prince…Prince was great! But I’m ok with people that I work with.

 

6) You’re considered maybe the best drummer of the world, in our century, many people say that, including Chick Corea: he once said that “everybody wants to play like Steve Gadd, cause he plays in perfect way”.

I’m very flattered to know that people think that, but the reality is that there are many, so many fantastic musicians. What I do is just play.

 

7) This project (Blicher, Hemmer, Gadd), started in a random way: you met Michael Blicher (the sax player), you felt good with him, and so everything started, right?

Yeah, I met him in the school I was teaching in the summer, he was there. I met him and, at the school we exchanged numbers, then Michael contacted me while I was in Europe, doing some work, Michael came towards the hotel and introduced me to Dan (Hammer).. Michael had the idea for put in this together, and ..it has been fun.

 

8) What’s the main difference between this project and the Steve Gadd Band?

It’s different music..It’s good music, I love it, and it’s unique with these two guys, I think it’s special. It’s just a different style, but I love it. There’s a lot of original music that the guys in the band write. So, different music, different personality. It’s high quality. So, you know, the music, no matter what the style of the two things, they’re both enjoyable, in different ways.

 

9) About styles, so, don’t you have a favorite kind of music?

I think that my favourite music is the music that I’m playing at the time. You know, I love groove things, but I try to make whatever I’m doing, I want that everyone I play with could feel good. So, I just put 100% into what I’m doing at the time to make it the best it can be. So whatever I’m doing now, that’s what’s important for me at the time. 

G.C. – So you want to catch the moment.

S.G. – Yeah, you know, you have to be focused about what you’re doing and not thinking about something else that you’d rather be doing. This music is THIS, it wouldn’t be good to think about another kind of music that I like better. It’s better to make this, the best that it can be, and then I begin to like that more. 

G.C. – Yeah, cause it’s the only way to enter in THAT kind of music in the best way”

S.G. – Yeah, we have to be think about THAT, and not this.

 

10) We know that you have italian origins. What’s your relationship with Italy? I mean, do you feel that you have italian blood in your veins?

Yeah, My mom’s parents came from Palermo. I love you. I feel very comfortable, I feel very natural here, comfortably, relaxed. I love the people, I love the sense of humour, the food, the people, the lifestyle… you know, the italian people is fantastic! It’s great! 

 

11) What are your thoughts about today’s music market trend? Think about what record companies give to people now, comparing to what they used to give 40 years ago: do you think that music is “going down”, in general?

No, I think it’s changing. You know, I think it goes in circle: it get fast and loud, and then softer again. It’s evolving, because young people are trying to do things their way. Everybody show their creativity in different ways.

 

12) Do you have some plans in the future that you want to share with us?

Well, I feel very grateful for what I do, and I look forward to play with this band, I look forward to do gigs with my own band, you know, sometimes I play with James Taylor, sometimes I play with Eric Clapton..but at this point a lot of the things that I do are very enjoyable, I like that.

 

13) About Eric Clapton, do you think that you’re going to play with him during this summer tour?

I can’t do the tour, but I’m gonna do it in september, in USA: there’s a tribute for Ginger Baker, and I’m doing to be part of it, but I can’t do the whole tour, cause I have already planned to do it with James Taylor.

 

Steve Gadd

VERSIONE ITALIANA

1) Steve, benvenuto su Relics Controsuoni. Cominciamo dal principio. Qual è stato il tuo primo approccio con la batteria?

Quando avevo 3 anni, vivevo con i miei nonni e mio zio Eddie (che era batterista nell’esercito americano)… e lui un giorno mi regalò le prime bacchette, e un pezzo di legno circolare, da usare come un “tamburo muto”. E’ stato così che la batteria è entrata nella mia vita.

G.C. – Ricordi cosa provavi, stringendo queste bacchette?

S.G. – Mi piaceva suonare, mi divertivo… sapete… ero solito suonare con mio zio la sera, era un momento molto piacevole.

 

2) Qual è stato il “punto di svolta” della tua carriera, se ce n’è stato uno?

È stato quando mi sono trasferito a New York. Quello è stato il vero momento di svolta, perché è stato così che ho avuto la possibilità di conoscere nuovi musicisti e di lavorare con molti di essi. 

 

3) Quali artisti ti hanno influenzato di più, come musicista?

Paul Simon, Chick Corea, James Taylor, Eric Clapton… c’è qualcosa da imparare da ogni persona che lavora con te. Così penso che qualunque persona tu abbia modo di incontrare lungo il cammino, ti aiuti a diventare quello che sei, se sei sufficientemente aperto a comunicare con lei e ad ascoltare le sue idee. In questo modo puoi imparare da chiunque.

 

4) Tra gli artisti con cui hai avuto modo di suonare, c’è qualcuno che ricordi particolarmente con maggior affetto?

Quelli con cui ho lavorato per più tempo, come Paul Simon… ho lavorato con lui per molti anni, così ho molti ricordi belli e divertenti sia di lui che delle persone che vi lavoravano insieme a quel tempo, e che erano miei amici, come Tony Levin, Eric Gale, Anthony Jackson. Non li sento telefonicamente ogni giorno, ma li considero più che semplici colleghi di lavoro, perché abbiamo trascorso insieme così tanto tempo… Ad esempio Eric Clapton, James Taylor, Chick Corea… e poi tanti musicisti con cui ho suonato negli anni. Mi sento vicino a tutti loro, in questo mondo (musicale ndr).

 

5) C’è un artista, un musicista, con cui vorresti suonare, ma con cui non hai ancora avuto occasione di farlo?

Non penso a questo, sono felice di suonare con le persone con cui ho la possibilità di farlo. Ma mi sarebbe piaciuto suonare con Prince, Prince era grandioso. Ma mi sento ok con tutti quelli con cui lavoro.

 

6) Sei considerato da molti forse il miglior batterista del mondo, nell’ultimo secolo. Chick Corea una volta ha detto “Tutti vorrebbero suonare come Steve Gadd, perché lui suona in modo perfetto”.

Sono lusingato di sapere che la gente pensi questo, ma in realtà ci sono tanti, così tanti musicisti fantastici in circolazione… Quel che faccio è semplicemente suonare.

 

7) Questo progetto musicale (Blicher – Hemmer – Gadd) è iniziato quasi per caso. Hai incontrato Michael Blicher (il sassofonista), ti sei trovato bene con lui e da lì tutto è cominciato, giusto?

L’ho incontrato nella scuola in cui stavo insegnando d’estate, lui era lì. Ci siamo visti, ci siamo scambiati il numero, e poi Michael mi ha contattato mentre ero in Europa, è venuto in hotel e mi ha presentato Dan (Hemmer). Michael ha avuto l’idea di fare qualcosa tutti insieme e… ci siamo divertiti.

 

8) Qual è la maggior differenza tra questo progetto e la Steve Gadd Band?

È musica diversa… è buona musica, la adoro, ed è unica, con questi due ragazzi, penso sia speciale. È uno stile diverso, ma mi piace. Loro scrivono molta musica originale. Quindi musica diversa, personalità diverse. Alta qualità. Quindi due tipologie di musica differenti, che però, nonostante la diversità di stile, appaiono entrambe piacevoli, in modi diversi.

 

9) Quindi, riguardo agli stili musicali, non ne hai uno preferito?

Penso che la mia musica preferita sia quella che sto suonando in questo momento. Sai, mi piace il groove, ma cerco di concentrarmi su quello che sto facendo, voglio che ognuno che suoni con me si senta a suo agio. Quindi metto sempre il 100% in quello che sto facendo in quel momento, per rendere il miglior risultato possibile. Qualunque cosa io stia facendo ora, quella è l’unica cosa importante per me in questo momento.

G.C. – Quindi cerchi sempre di “cogliere l’attimo”?

S.G. – Sì, sai, devi essere concentrato su quello che stai facendo, e non pensare invece a qualcos’altro che vorresti fare. Questa musica è QUESTA, non sarebbe bene pensare a qualche altro tipo di musica che ti piace di più. È meglio concentrarsi su questa, renderla nel modo migliore possibile, e allora essa inizierà anche a piacerti maggiormente.

G.C. – Sì, perché è l’unico modo per entrare appieno in un certo tipo di musica nel modo migliore.

S.G. – Esatto, dobbiamo pensare a QUELLA, e non a questa.

 

10) Sappiamo che hai origini italiane. Qual è il tuo rapporto con l’Italia? Hai la percezione di avere del sangue italiano scorrerti nelle vene?

Sì, i miei nonni materni erano originari di Palermo. Vi amo. Qui mi sento molto a mio agio, naturale, rilassato. Amo la gente, amo l’umorismo, il cibo, lo stile di vita. Gli italiani sono fantastici, davvero!

 

11) Cosa pensi riguardo all’attuale trend del mercato musicale? Cosa puoi dirmi in merito a quello che le case discografiche offrono oggi al pubblico, rispetto a quello che offrivano 40 anni fa? Pensi che la musica stia “scadendo”?

S.G. – No, penso che stia cambiando. Ha un andamento circolare. Diventa più veloce e rumorosa, e poi di nuovo più leggera. Si evolve, perché i giovani cercano di fare le cose a modo loro. Ciascuno mostra la propria creatività in modi diversi. 

 

12) Hai qualche progetto futuro che ti piacerebbe condividere con noi?

Mi sento molto grato per quello che faccio, e non vedo l’ora di suonare con questa band (Blicher – Hemmer – Gadd – ndr), o di fare concerti con la mia band (Steve Gadd Band – ndr)… a volte suono con James Taylor, a volte con Eric Clapton… ma in questo momento molte delle cose che faccio sono parecchio piacevoli. Mi piace.

 

13) A proposito di Eric Clapton, pensi che sarai in tour con lui quest’estate?

Non posso andare in tour con lui, ma ci suonerò insieme a Settembre, negli USA: c’è un concerto tributo in memoria di Ginger Baker, e ne farò parte. Ma non potrò suonare con Clapton durante il tour, perché ho già in programma di suonare con James Taylor.

 

Ringraziamo il Druso e Alessandro, manager italiano della band, per la straordinaria possibilità concessa alla nostra webzine.


Commenti

Click here to connect!