Home / Dischi / The Manifesto – Maximilien (Blooms Recordings, 2019) di Giuseppe Grieco

The Manifesto – Maximilien (Blooms Recordings, 2019) di Giuseppe Grieco

The Manifesto è il nome di un trio di Ravenna fresco fresco di nascita. I membri sono Massimiliano Gardini (Yesterday Will Be Great, ex Kisses From Mars) alla chitarra e voce, Michele Morandi (ex Brazil), voce e basso, e Stefano Bombardini, batteria (ex Postvorta), tutti e tre come si può ben vedere con un passato in altre band. Maximilien è un concept album incentrato sulla Rivoluzione Francese, ma suona in modo molto più moderno. Il trio si ispira infatti alla ruvidezza dei gruppi anni ’90, come i Stooges o i Jane’s Addiction. Inoltre si punta molto sull’intreccio delle due…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
The Manifesto è il nome di un trio di Ravenna fresco fresco di nascita. I membri sono Massimiliano Gardini (Yesterday Will Be Great, ex Kisses From Mars) alla chitarra e voce, Michele Morandi (ex Brazil), voce e basso, e Stefano Bombardini, batteria (ex Postvorta), tutti e tre come si può ben vedere con un passato in altre band.

Maximilien è un concept album incentrato sulla Rivoluzione Francese, ma suona in modo molto più moderno. Il trio si ispira infatti alla ruvidezza dei gruppi anni ’90, come i Stooges o i Jane’s Addiction. Inoltre si punta molto sull’intreccio delle due voci, che vanno contrapponendosi l’una all’altra in stile B-52s, entrambe esprimentesi in inglese.

Sul tema del disco, la band ha affermato che si tratta di “uno stato mentale, una dichiarazione di poetica, uno stile – è l’evento che ha rovesciato l’ordine costituito, le regole millenarie”. Ma altre influenze si possono trovare in Maximilien, come il pensiero dell’immortale Nietzsche: “il suo stile sopra le righe, il suo fervore visionario, le sue micidiali scorribande contro la razionalità mediocre e le convenzioni hanno ispirato artisti diversi tra loro come Jim Morrison, Dino Campana, Amedeo Modigliani”.

Tanti riferimenti culturali quindi, che vanno a condensarsi in un sound massiccio e carnale, dove i riff di basso e di chitarra si alzano lentamente ma inesorabilmente, supportati dalla batteria granitica.

Siamo curiosi di conoscere quale sarà l’oggetto del prossimo lavoro.

Tracklist:

  1. Virgins
  2. Alaska
  3. Robespierre
  4. Weekend
  5. Precious Time
  6. Corridor
  7. When We Made the Stars Together
  8. Manifesto 1789


Commenti

Click here to connect!