Home / Dischi / Black Tail – You Can Dream It In Reverse (Mia Cameretta Records/Lady Sometimes, 2020) di Gianni Vittorio

Black Tail – You Can Dream It In Reverse (Mia Cameretta Records/Lady Sometimes, 2020) di Gianni Vittorio

La band laziale firma il suo terzo album, proseguendo il percorso sonoro iniziato negli anni passati con Springtime e One Day We Drove Out Of Town. Il disco esce con le etichette indipendenti Mia Cameretta/Lady Sometimes, e si avvale del supporto della strumentazione di Filippo Strang. You Can Dream It In Reverse si muove tra le linee melodiche e morbide del folk-rock americano e lo slowcore lo-fi più dilatato. Apple trees è la vera ballatona malinconica che mancava al gruppo; Late summer è folk-country, molto vicino alle sonorità dei Wilco; il ritmo si alza con No ok, mentre Sequoia ci…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Conclusione : Rilassanti

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

La band laziale firma il suo terzo album, proseguendo il percorso sonoro iniziato negli anni passati con Springtime e One Day We Drove Out Of Town. Il disco esce con le etichette indipendenti Mia Cameretta/Lady Sometimes, e si avvale del supporto della strumentazione di Filippo Strang.

You Can Dream It In Reverse si muove tra le linee melodiche e morbide del folk-rock americano e lo slowcore lo-fi più dilatato.

Apple trees è la vera ballatona malinconica che mancava al gruppo; Late summer è folk-country, molto vicino alle sonorità dei Wilco; il ritmo si alza con No ok, mentre Sequoia ci mostra il lato slowcore dei Black Tail; infine The great comet of 1996 è forse la canzone che sintetizza meglio il loro sound (molto emozionante la coda strumentale). Il loro mood è essenzialmente un mix di arpeggi inseriti in un contesto rock alternativo ed emotivo. Inoltre questo nuovo lavoro è arricchito dal mellotron, presente in alcuni pezzi (Apple trees).

A tratti sembra di intravedere le influenze di Sparklehorse, uno degli artisti cult dell’indie americana, a dimostrazione che la loro musica ha una vera vocazione internazionale.

Tracklist:

  1. China Blue (Sixteen)
  2. Sequoia
  3. Stars Colliding
  4. The Great Comet of 1996
  5. Sun
  6. Apple Trees
  7. Not OK
  8. Late Summer
  9. Firecracker


Commenti

Click here to connect!