Home / Dischi / Boda – Darkness and Damages (La Cura Dischi, 2020) di Francesco Sermarini

Boda – Darkness and Damages (La Cura Dischi, 2020) di Francesco Sermarini

Si scrive Boda ma si pronuncia Daniele Rotella, musicista di riferimento per la scena rock Umbra e giunto alla seconda fatica sotto questo monicker, dopo essere stato precedentemente nei The Rust and The Fury. Questa sua nuova creazione risponde al nome di Darkness and Damages ed è stato pubblicato sotto La Cura Dischi. La proposta del nostro, affiancato da Diego Mariani alla batteria e voce e da Fabrizio De Angelis al basso, è quella di un rock anni ’90 figlio del grunge con contaminazioni folk a rendere più arioso il sound. La copertina rende bene le atmosfere di Darkness…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Conclusione : Paesaggi aridi

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Si scrive Boda ma si pronuncia Daniele Rotella, musicista di riferimento per la scena rock Umbra e giunto alla seconda fatica sotto questo monicker, dopo essere stato precedentemente nei The Rust and The Fury.

Questa sua nuova creazione risponde al nome di Darkness and Damages ed è stato pubblicato sotto La Cura Dischi. La proposta del nostro, affiancato da Diego Mariani alla batteria e voce e da Fabrizio De Angelis al basso, è quella di un rock anni ’90 figlio del grunge con contaminazioni folk a rendere più arioso il sound. La copertina rende bene le atmosfere di Darkness and Damages: un paesaggio arido, pieno di sterpaglie selvatiche secche e con un sole che batte fortissimo sulla terra asciutta.

Fin dall’apertura di White Dog, con il suo giro di chitarra vagamente country, sembra di trovarci di fronte ad un gruppo proveniente da un qualche saloon sperduto nel profondo Nevada. Il disco si alterna fra semi-ballate e pezzi più tirati, quest’ultimi risultano i più interessanti dell’intero lotto, come ad esempio Just Needed a Friend o Broken Screen, nei quali le chitarre distorte prendono il sopravvento e la fanno da padrone. Darkness and Damages è un buon disco di musica rock, che mescola bene elementi grunge e folk per creare un disco intimo e sentito.

Tracklist:

  1. White Dog
  2. Starry Sky
  3. Shadows (On The Woods)
  4. Just Needed A Friends
  5. Fears
  6. Broken Screen
  7. BallRoom
  8. All The Notes
  9. 13th Floor


Commenti

Click here to connect!