Home / Dischi / Huge Melasses Tank Esplodes – II (Retro Vox Records, 2020) di Gianni Vittorio

Huge Melasses Tank Esplodes – II (Retro Vox Records, 2020) di Gianni Vittorio

Il nome della band nasce da un evento verificatosi nel 1919, precisamente a Boston, in seguito all’esplosione di un serbatoio che causò un’inondazione di melassa che attraversò la zona militare, uccidendo 21 persone. Questo secondo album della band milanese si scosta dal precedente per una connotazione più psichedelica. Infatti il sound è un insieme di elementi krautrock con influenze shoegaze, psych e dream. Se Dream with a dream ci trasmette atmosfere sognanti, High and low è un brano dal climax chiaramente psichedelico (si notano alcune piacevoli somiglianze con i Black Angels); tra gli altri pezzi del lotto vanno segnalati…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Conclusione : Cosmici

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Il nome della band nasce da un evento verificatosi nel 1919, precisamente a Boston, in seguito all’esplosione di un serbatoio che causò un’inondazione di melassa che attraversò la zona militare, uccidendo 21 persone.

Questo secondo album della band milanese si scosta dal precedente per una connotazione più psichedelica. Infatti il sound è un insieme di elementi krautrock con influenze shoegaze, psych e dream.

Se Dream with a dream ci trasmette atmosfere sognanti, High and low è un brano dal climax chiaramente psichedelico (si notano alcune piacevoli somiglianze con i Black Angels); tra gli altri pezzi del lotto vanno segnalati Wait for sleep per le sue reminiscenze krautiane, infatti qui sono presenti alcuni richiami esoterici, mentre certe sonorità misteriose e rarefatte ci fanno venire in mente la scena tedesca degli anni ’70 (i Can furono i fondatori del genere kraut-rock). Il disco si conclude con la ballad cosmica Plain, canzone che sembra essere uscita dalla mente di Jason Pierce (ex Spacemen 3).

Alternare brani più tirati con altri più rilassati è sembrata essere la scelta giusta, rendendo questo lavoro discografico più fruibile anche per l’ascoltatore medio.

Tracklist:

1. Unpainted Sky
2. Dream Within a Dream
3. The Run
4. High and Low
5. No One
6. Wait for Sleep
7. So Much to Lose
8. Giving Up the Ghost
9. Plain


Commenti

Click here to connect!