Home / Dischi / Il Silenzio Delle Vergini – Fiori recisi [(R)esisto Distribuzione/I Dischi Del Minollo/Audioglobe, 2020] di Mr. Wolf

Il Silenzio Delle Vergini – Fiori recisi [(R)esisto Distribuzione/I Dischi Del Minollo/Audioglobe, 2020] di Mr. Wolf

Saper dire cosa sia Fiori Recisi è estremamente complesso, forse molto più facile partire da cosa NON E’. Sicuramente non è un disco e nello specifico non è un disco da Spotify o piattaforme simili, sicuramente non è un disco da live generalista su un palco qualsiasi, ma altra cosa che sicuramente non è, uno svarione intellettualistico senza capo ne coda. Spesso mi è successo di dovermi trovare di fronte a dischi che quasi come riempitivo per poter avere un numero traccie sufficiente facevano comparire qua e la delle brevissime traccie di solo parlato mezzo poetico inserito qua e…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : 4.4 ( 1 voti)
Saper dire cosa sia Fiori Recisi è estremamente complesso, forse molto più facile partire da cosa NON E’.

Sicuramente non è un disco e nello specifico non è un disco da Spotify o piattaforme simili, sicuramente non è un disco da live generalista su un palco qualsiasi, ma altra cosa che sicuramente non è, uno svarione intellettualistico senza capo ne coda.

Spesso mi è successo di dovermi trovare di fronte a dischi che quasi come riempitivo per poter avere un numero traccie sufficiente facevano comparire qua e la delle brevissime traccie di solo parlato mezzo poetico inserito qua e la tra brani veri e propri.

Questo non vale per Fiori Recisi, perché qui si può vedere e riconoscere con chiarezza un progetto completamente diverso e totalmente orientato in un ottica meta-musicale e non semplicemente citazionale.

Il Silenzio Delle Vergini elabora e comprime sonorità molto interessanti, sperimentali (ma non al confine dell’insopportabile) con una sorta di filo conduttore legato alla New Wave o New Age più composta che si mescola con testi (quasi esclusivamente parlati e narrativi) che ben si fondono con l’animo del progetto stesso.

Resta sicuramente una certa ambiguità e una non immediata ricezione del progetto, tuttavia forse spingendo il lavoro globale della band verso una dimensione maggiormente visiva e magari abbinando il lavoro musicale ad una forte collaborazione con un regista visionario si potrebbe giungere ad un prodotto maggiormente evocativo e qualificato dalla realizzazione magari di un corto molto estetico che accompagni l’intero disco.

Un consiglio di ispirazione per i sound della band è quello di rifarsi al videoclip capolavoro diretto da Romain Gavras per il brano Gosh di Jamie XX.

Tracklist:

  1. Non ho più paura
  2. Cuore di farfalla
  3. Mental code
  4. Radici di paradiso
  5. Necessità
  6. Cenere
  7. Gambino
  8. Fiori recisi
  9. Il treno dei desideri


Commenti

Click here to connect!