Home / Dischi / Bedroom – Bdrmm (Sonic Cathedral, 2020) di Gianni Vittorio

Bedroom – Bdrmm (Sonic Cathedral, 2020) di Gianni Vittorio

Ryan Smith (voce e chitarra), Joe Vickers alle chitarre, Jordan Smith al basso, Daniel Hull ai sintetizzatori, Aaron Moreton alla batteria, formano un quintetto  che ha dato alla luce il progetto Bdrmm, titolo esplicativo sul modo di pronunciare il nome stesso della band: Bedroom. Uscito da marzo il disco è stato oggetto di numerosi passaggi in radio, specie in Inghilterra, fino a diventare famoso grazie alla BBC. Un lavoro che si inserisce nel filone dei nostalgici del post-punk, revival post-punk, ma che sa coniugare diverse anime, rendendo più fruibile un genere che è stato a volte un po' difficile da digerire. Un debut…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Conclusione : Sognanti con stile

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Ryan Smith (voce e chitarra), Joe Vickers alle chitarre, Jordan Smith al basso, Daniel Hull ai sintetizzatori, Aaron Moreton alla batteria, formano un quintetto  che ha dato alla luce il progetto Bdrmm, titolo esplicativo sul modo di pronunciare il nome stesso della band: Bedroom.

Uscito da marzo il disco è stato oggetto di numerosi passaggi in radio, specie in Inghilterra, fino a diventare famoso grazie alla BBC. Un lavoro che si inserisce nel filone dei nostalgici del post-punk, revival post-punk, ma che sa coniugare diverse anime, rendendo più fruibile un genere che è stato a volte un po’ difficile da digerire. Un debut album di ottimo livello e poliedrico nel sound.
Infatti si passa da A reason to celebrate, brano che respira shoegaze a pieni polmoni, a Push, dream pop minimale, fino ad arrivare a pezzi più marcatamente rock, come Gush, di matrice indie, oppure Happy, che  ricorda i Cure di Disintegration. Ci sono anche parti strumentali, come ad esempio Momo, e l’intermezzo The silence che fanno da spartiacque tra la prima e la  seconda parte. Il mood di fondo è sempre la componente onirica, ben presente in tutte le composizioni della band.

Tra i modelli di riferimento vi sono anche gli Slowdive ed i Beach House, dai quali si cerca di allontanarsi per cercare una via alternativa, al fine di non venire risucchiati dal solito cliché.

      Tracklist

  1. Momo
  2. Push/Pull
  3. A Reason To Celebrate
  4. Gush
  5. Happy
  6. (The Silence)
  7. (Un)Happy
  8. If….
  9. Is That What You Wanted To Hear?
  10. Forget The Credits


Commenti

Click here to connect!