Home / Altrisuoni / PreHistoric Animals, The Magical Mistery Machine (chapter 1) – (Independent, 2020) di Paolo Guidone

PreHistoric Animals, The Magical Mistery Machine (chapter 1) – (Independent, 2020) di Paolo Guidone

 C’é una bella sorpresa per gli amanti del genere progressive, e tale sorpresa si chiama PreHistoric Animals, gruppo svedese formatosi nel 2018 e che ha appena pubblicato il loro album The Magical Mystery Machine (chapter 1). L’album conta solo 7 brani ma questi bastano a offrirci una dimostrazione del notevole talento del duo fondatore  Samuel Granath, Stefan Altzar, e compagni. La opener Floodgate rappresenta perfettamente l’essenza di questo disco, caratterizzato da un genere decisamente progressive rock / metal con sporadici, ma efficacissimi, innesti di altri generi quali l’hard rock più puro senza disdegnare una certa influenza di pop e alternative…

Score

artwork
concept
potenzialità

Voto Utenti : 4.58 ( 6 voti)

 C’é una bella sorpresa per gli amanti del genere progressive, e tale sorpresa si chiama PreHistoric Animals, gruppo svedese formatosi nel 2018 e che ha appena pubblicato il loro album The Magical Mystery Machine (chapter 1).

L’album conta solo 7 brani ma questi bastano a offrirci una dimostrazione del notevole talento del duo fondatore  Samuel Granath, Stefan Altzar, e compagni.

La opener Floodgate rappresenta perfettamente l’essenza di questo disco, caratterizzato da un genere decisamente progressive rock / metal con sporadici, ma efficacissimi, innesti di altri generi quali l’hard rock più puro senza disdegnare una certa influenza di pop e alternative rock in particolare nel brano what a lucky day

Le due chitarre sono pulite, magistralmente suonate, e capaci di alternare potenza ed aggressività a passaggi più melodici e introspettivi, dando sfoggio di grande competenza ma senza mai scadere in mera ostentazione di virtuosismo tecnico.

La voce raffinata e potente del cantante, poi, attraversa magistralmente e in modo lineare l’intero disco, in una specie di contrappunto con le chitarre che invece paiono accelerare e rallentare costantemente, dando ritmo e varietà all’ascolto complessivo.

Il risultato è dunque un album davvero molto interessante e che s’impone con decisione nel panorama progressive internazionale, attirando dunque tutta la nostra attenzione per il futuro.

Già, perché il titolo dell’album cita espressamente un chapter 1, e ciò ci fa ben sperare.

Occhio a quei due!

 

Tracklist :

  1. Floodgate
  2. The Magical Mystery Machine
  3. No Mortal Girl Has Ever Seen The Light Inside
  4. A Good Start
  5. What a Lucky Day!
  6. First We’ll Go To Mars
  7. Into Battle (Like my Father)


Commenti

Click here to connect!