Home / Copertina / Intervista ai PREHISTORIC ANIMALS, a cura di Giovanni Cionci ( ENG / ITA versions)

Intervista ai PREHISTORIC ANIMALS, a cura di Giovanni Cionci ( ENG / ITA versions)

 

ENGLISH VERSION (segue versione italiana)

We had the chance to  interview the PreHistoric Animals, svedish progressive metal/alternative band, who just released its second studio album, The Magical Mistery Machine – Chapter One, on last 30th September (you can read our album review HERE).  Stefan AltzarSamuel Granath and Daniel Magdic answered to our questions in a funny and enthusiastic way, talking not only about their new work, but also revealing funny and interesting stories about their past…and letting us know that great surprises are coming on the next future! So.. let’s start the interview with our Giovanni Cionci.

 

1- Hello, and thanks for accepting to dedicate a bit of your time to us and to our readers. Could you please tell us something about the story of your Pre-Historic Animals project and why did you choose that name?

Sam: Prehistoric Animals started in 2015 as a two man project with Stefan Altzar and me. We had worked together previously and wanted to work together again with some alternative/progressive rock ideas we had. Stefan came up with the name and it has to do with the the fact that some less gifted people might consider our music to be out of date, haha! Plus we’re not 15 years old anymore so it seemed suitable in that respect also. And after we released the first album people started contacting us to perform live at different festivals, so we realised that we had to become a real band. And then luckily for us, Daniel and Noah (Magdic and Magnusson, Editor’s note) joined us!

 

2 – Your second album, published in september, The Magical Mistery Machine – Chapter One, got a lots of entusiatic feedbacks due to your very “personal” and original sound, which was already present in your 1st album (Consider it a Work of Art, released in 2018), but now it sounds as much more mature. Which factors made your sound grow up so quickly, and your music so special and unique?

Sam: The change in sound from the first to the second album I’d say has to do a lot with the addition of Daniel and Noah to the band. And we also have to give a lot of credit to Erik Berglund who mixed and mastered the new album. Brilliant guy!

 

3- Which artists mostly influenced your style?

Sam: Katatonia, Vulkan, Mew, Agent Fresco, Steely Dan, Jeff Porcaro etc…

Daniel: Rush, King’s X, Black Sabbath, The New Regime, Puscifer, Dillinger Escape Plan, King Crimson and too many others to mention.

Stefan: Muse, It bites, Jellyfish, Tim Christensen, Tool.

 

4 – What’s your favourite track of the album? Why? 

Sam: My favourites from the new album keeps changing  but right now I’d say the title track because of its dynamics with both soft / rough parts and the pretty dystopic all around feel to it. What a Lucky Day is another favourite for me.

Daniel: My favourite tracks changes for me as well. Just like Sam I like the title track, but I also love What a Lucky Day because it has some of that Rush feel which I tride to consolidate with the guitar sounds. Floodgate is one track I really looking forward playing live!

Stefan: I think What a Lucky Day is my favourite for the moment

 

5 – Daniel, congratulations for the extraordinary work on guitars: great riffs, amazing and tasteful solos, expecially the last one at the end of Into Battle (Like my Father): wonderful ending of a great album.  I speak with your band mates: do you think that something changed in your “strenght” when he joined the band?

Daniel: Thanks, but that outstanding solo is actually Stefan! (laughs)

Sam: Daniel is such a great guitar player and songwriter, and a great/fun guy to be around! So we’re very happy that he joined us! I also have to mention his beautiful and heavy guitar sounds which I like a lot!

Stefan: Haha!! One thing that changed is that Daniel gets credit for my solos. Seriously, he’s the perfect combination of a great guitarist and a great person. I think a lot has changed to better with Daniel in the band.

Daniel: I just have to add that I’m not that nice – you guys just make me a better person!

 

6 – Daniel, you joined Pain of Salvation in the beginning of their story, and you took part in composing and recording their 1st, amazing album Entropia. Can you tell us something about the importance of that experience in your musical “travel”? What’s your best memory of that experience?

Daniel: Well I started to play with Daniel Gildenlöw in the 7th grade – I was 13 years old. That period of time is very formant so of course it has been very important for my development musicaly. For some years me and Daniel where together 24 hours a day and it was all about music (well almost anyway). We listened to very much the same music at the time, Kiss, Queensryche, King Diamond. I remember that when we went to sleep late at night we actually put a cassette player on autoreverse so that there where music even when we slept. So I think we both had an impact on each other. We meet sometimes and play together (with Johan and Johan) and it still feels like home playing together and that is probably because of us developing together in those early years. When Entropia was recorded most of those songs where already old for us and most of One Hour by the Concrete Lake was already written. Actually my contribution song wise is bigger on Concrete Lake. One example is the different drop tunings on that album – it’s a direct consequence of me listening to King’s X Dogman album (we actually did a cover on that song once).

It is hard to pick one special memory. I would say that it is that whole period of time and that friendship that was built and that is still there. I would say that we where as close as brothers you can be without having the same parents.

 

7 – Lately we lost one of the greatest guitarist ever, Eddie Van Halen. Would you like to tell us something about him?

Daniel: I was not so much into Van Halen myself, but he was a truly brilliant guitarist. What strikes me today is not his tapping and tecnique – it is the playfulness!

Stefan: I bought 1984 when it was released and I still think it’s a brilliant album. I love Eddie! We just finished a PreHistoric Animals song that contains a short ”Eddie dedication” from me and Daniel.

 

8 – The Magical Mistery Machine – Chapter One is a “concept album”. Can you tell us something more about the undernith meaning?

Stefan: The main story is like this: Cora is given the mission to collect humanity’s good and bad sides. Perfection and imperfection. Fear, happiness, greed and so on. She is given a box with a mysterious device inside where all the information will be stored. She gets informed that the world is dying and she is the only one on earth who knows except for her sidekick, Jareth who isn’t even half as brave as her. All information inside the device will be used to recreate earth somewhere else in the universe and they are promised to go there if their mission get’s accomplished. It’s a quirky story but underneath there’s politics, feminism, environmental issues and love. It’s also our way to say thanks to all the good music we’ve listened to so far. Cora might be a little inspired by Greta.

 

9 – Fear is one of main “enemies” we have to face everyday in this world, since the beginning of time. The same fear that someone tries to “store in a magical, mistery machine” in your album.  This album came out in the year of SARS-COV2 pandemic, that stroke the whole world, including Sweden.  Has the story telling of this album, and its recording, been influenced by that tragic event?

Stefan: Not at all actually. We got the idea over a year ago and the lyrics were written before Covid. I realize that a lot of people might that the pandemic is the inspiration. Actually, I think the album theme has been and will be relevant for a very long time.

 

10 – Your 1st video (“A Good Start/What a Lucky Day”) has been released just a couple of weeks ago. In the video all the band dies fighting against a zombie army: is it a metaphor or something or just a funny idea? 

Stefan:  I had an idea about making a video when we were singing and killing zombies at the same time. Almost like a musical. Then I wanted to find a way to get the same mood as the album and I think I made it. Could be the postapocalyptic world that Cora and Jareth has left. Who knows?

 

11 – We’re waiting for you on stage. According with pandemic, are you planning an european tour? Have you already planned some italian dates?

Daniel: Well it is hard to plan a tour or even gigs in these days. We have a festival gig in Germany (Art Rock Festival), that has been moved from April to August next year. But we would really love to do some more gigs around Europe, and of course Italy! I went to a lovely festival in Veruno (2Days Prog +1 Editor’s note) (where we met) to see King’s X, which sadly canceled their tour. But I had an amazing time and made new friends, so I hope we can play there next time! One funny, and quite embarrasing thing from that festival is when I met John Mitchell. I was introduced to him by Octavia Brown, who is involved in making that festival happen. At that time I didn’t really know who he was – which is of course embarrasing. So I just shook his hand and said hi. After that I discovered Frost* which I think is brilliant, and I thought that that guy looks familiar, and I realized that I had met him and that he also is in It bites. So I was a bit starstrucked in retrospect. I actually sent him a messege on messenger to appologise haha.

 

12 – We can’t wait anymore for the “second chapter” of the story. Do you already started to think about it?

Sam: Yes!! We have so many songs and ideas that it’s hard for us to choose from them all! But we’re well on the way with chapter 2, and we think it’s gonna be great!

Daniel: Yes, and I think we also can promise a surprise for Christmas…..

 

Many thanks to the band  for this funny and interesting interview.. and, waiting for their Christmas surprise, we give you HERE the link to their Spotify page.

 

 

ITALIAN VERSION

Noi di Relics-Controsuoni abbiamo avuto la fortuna di intervistare i PreHistoric Animals, band svedese progressive metal/alternative, che lo scorso 30 settembre ha pubblicato lo splendido secondo album in studio The Magical Mistery Machine – Chapter One, di cui potete leggere la nostra recensione QUI .  Stefan AltzarSamuel Granath Daniel Magdic hanno risposto con entusiasmo e simpatia alle nostre domande, parlandoci non solo del loro nuovo lavoro, svelandoci aneddoti sul loro passato… e lasciandoci pregustare sorprese per il prossimo futuro! Ma… bando alle ciance e tuffiamoci subito nell’intervista, a cura del nostro Giovanni Cionci.

1 – Ciao e grazie per il tempo che avete deciso di dedicare ai lettori di Relics-Controsuoni. Per iniziare, potreste parlarci della storia del progetto PreHistoric Animals? Qual è stata la genesi del nome della band?

Sam: I Prehistoric Animals sono nati nel 2015 come progetto a due, composto da Stefan Altzar e me. Avevamo già lavorato insieme in passato e avevamo voglia di lavorare di nuovo insieme, su alcune idee alternative/progressive rock che avevamo. Stefan ha ideato il nome, sottintendendo che alcune persone “meno dotate” avrebbero potuto considerare la nostra musica obsoleta, ahahah! Inoltre, non essendo più dei quindicenni, il nome ci sembrava adatto anche da questo punto di vista. Dopo l’uscita del nostro primo album, abbiamo cominciato a ricevere diverse offerte di partecipazione a festival, e ci siamo quindi resi conto di essere diventati una vera band. Fortunatamente, Daniel e Noah (Magdic e Magnussonndr) si sono uniti a noi!

2 – Il vostro secondo album, uscito da poco, The Magical Mistery Machine – Chapter One, ha ottenuto favorevolissime recensioni su molte riviste del settore, anche grazie al vostro sound molto “personale” ed originale, già apprezzabile nel vostro primo album (Consider it a Work of Art, pubblicato nel 2018),  ma che ora appare molto più maturo. Quali fattori hanno permesso al vostro sound di crescere così rapidamente, e alla vostra musica di diventare così speciale ed unica?

Sam: Direi che la diversità di sound apprezzabile nel passaggio dal primo al secondo album è in buona parte correlabile all’arrivo di Daniel e Noah nella band. Dobbiamo anche ringraziare Erik Berglund, che ha mixato e masterizzato l’album: un tipo davvero brillante!

 

3 – Quali artisti pensate abbiano maggiormente influenzato il vostro stile?

Sam: Katatonia, Vulkan, Mew, Agent Fresco, Steely Dan, Jeff Porcaro etc…

Daniel: Rush, King’s X, Black Sabbath, The New Regime, Puscifer, Dillinger Escape Plan, King Crimson… e troppi altri per citarli tutti.

Stefan: Muse, It Bites, Jellyfish, Tim Christensen, Tool.

 

4 – Qual è la vostra traccia preferita dell’album? Perché?

Sam: I miei brani favoriti del nostro nuovo album continuano a cambiare, ma in questo momento direi la title track a causa della sua dinamica, con la compresenza di parti soft e dure, e inoltre per la sensazione distopica che la pervade. What a Lucky Day è un altro dei miei brani preferiti.

Daniel: I miei brani favoriti cambiano di volta in volta anche per me. Come Sam, mi piace la title track, ma amo anche What a Lucky Day, perchè ha quel retrogusto di stampo Rush che ho cercato di rafforzare con il sound delle chitarre. Floodgate è un brano che non vedo l’ora di suonare dal vivo!

Stefan: Penso che What a Lucky Day sia la mia preferita al momento.

 

5 – Daniel, complimenti per lo straordinario lavoro alle chitarre: grandi riff ed assoli splendidi e raffinati, soprattutto l’ultimo, alla fine di Into Battle (Like my Father), finale eccellente di un grande album. Mi rivolgo ai tuoi compagni di band: pensate che qualcosa sia cambiato nella vostra “forza” quando Daniel si è unito al gruppo?

Daniel: Grazie, ma quell’assolo stupefacente in realtà è di Stefan! (ride)

Sam: Daniel è un grandissimo chitarrista ed autore, e una persona fantastica e divertente! Per questo siamo contentissimi che si sia unito a noi! Non posso non citare anche il suo splendido ed heavy sound chitarristico, che mi piace moltissimo!

Stefan: Haha!! Una delle cose che è cambiata, è che Daniel si prende i meriti per I miei assoli! Scherzi a parte, è la perfetta combinazione tra un grande chitarrista e una grande persona. Penso che, con Daniel nella band, molte cose siano cambiate in meglio.

Daniel: Devo solo aggiungere che non sono un così bravo ragazzo…siete voi che mi rendete una persona migliore! (sorride).

 

6 – Daniel, tu hai militato nei Pain of Salvation agli albori della loro storia, partecipando sia alla composizione che alla registrazione dello splendido album d’esordio Entropia. Quanto è stata importante questa esperienza nella tua storia musicale? Qual è uno dei ricordi più belli che hai di quel periodo? Ti va di condividerlo con noi?

Daniel: Ho iniziato a suonare con Daniel Gildenlöw in seconda media –  avevo 13 anni.  Si trattava di un periodo molto formativo, e quindi sicuramente è stato molto importante per il mio sviluppo musicale Per alcuni anni, io e Daniel siamo stati insieme 24 ore su 24, e praticamente era tutta una questione di musica (o quasi). Ascoltavamo la stessa musica in quel periodo – Kiss, Queensryche, King Diamond. Ricordo che quando andavamo a dormire, a tarda notte, addirittura mettevamo un lettore di cassette in modalità autoreverse, così da poter ascoltare musica anche mentre dormivamo. Penso quindi che abbiamo avuto un impatto reciproco, l’uno sull’altro. A volte ci incontriamo, e suoniamo insieme (con Johan and Johan – Hallgren e Langell, ndr ), e tutt’ora suonare insieme è come “sentirsi a casa”… e probabilmente questo accade proprio perchè siamo cresciuti insieme in quegli anni lontani. Quando è stato registrato Entropia, la maggior parte dei brani dell’album erano già “datati” per noi, e anche la maggior parte di One Hour By the Concrete Lake era già stata scritta. In realtà il mio contributo alla scrittura dei brani è stato maggiore in One Hour By the Concrete Lake. Un esempio è la diversa accordatura “drop” dell’album –  una diretta conseguenza dei miei ascolti dell’album Dogman dei King’s X (di cui una volta abbiamo anche fatto una cover).

E’ difficile risalire ad un ricordo specifico. Direi che il ricordo abbraccia quell’intero periodo di tempo e quell’amicizia che abbiamo costruito e che c’è ancora. Direi che eravamo praticamente fratelli, pur senza avere gli stessi genitori…

 

7 – Recentemente abbiamo perso uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi, Eddie Van Halen. Vi piacerebbe lasciarci un pensiero su di lui?

Daniel: non sono mai stato molto coinvolto direttamente da Van Halen, ma era un chitarrista davvero brillante. Ciò che mi colpisce maggiormente di lui oggi non è il suo tapping né la sua tecnica, ma la sua vivacità!

Stefan: Ho comprato 1984 non appena è stato pubblicato e tutt’ora penso che sia un album brillante. Amo Eddie! Abbiamo appena terminato un brano dei PreHistoric Animals che contiene una breve  ”dedica ad Eddie” da parte mia e di Daniel.

 

8 – The Magical Mistery Machine – Chapter One è un concept album. Potete parlarci della trama della storia alla base dell’album?

Stefan: la vicenda principale è questa: a Cora è data la missione di raccogliere gli aspetti buoni e cattivi dell’umanità. Perfezione ed imperfezione. Paura, felicità, avidità, e così via. Le viene consegnata una scatola con dentro un misterioso dispositivo in cui verranno immagazzinate tutte le informazioni. Viene informata che il mondo sta morendo e che lei è l’unica sulla Terra a saperlo, ad eccezione del suo aiutante, Jareth, che non ha nemmeno la metà del suo coraggio. Tutte le informazioni all’interno del dispositivo verranno utilizzate per ricreare la Terra da qualche altra parte nell’universo, e viene loro promesso che saranno portati sul nuovo pianeta, se riusciranno a compiere la loro missione. La storia in se è stramba, ma nel sottinteso c’è politica, femminismo, problematiche ambientaliste ed amore. E’ anche un nostro modo di ringraziare tutta la splendida musica che abbiamo ascoltato fino ad ora. Il personaggio di Cora è stato in piccolo parte ispirato da Greta (Thunberg, ndr).

 

9 – La paura è uno dei più grandi nemici che ci troviamo ad affrontare ogni giorno, dall’alba dei tempi. La stessa paura che alcuni tentano di “rinchiudere in una macchina magica e misteriosa”. Questo album ha visto la luce nell’anno della pandemia da SARS-COV2, che ha colpito anche la Svezia. La storia narrata nell’album è stata influenzata da questi tragici eventi?

Stefan: Per niente, in realtà. Abbiamo avuto l’idea più di un anno fa, e I testi sono stati scritti prima del Covid19. Mi rendo conto che molte persone possano credere che la pandemia possa averlo ispirato. In realtà, penso che la tematica dell’album è stata e continuerà ad essere “di attualità” per molto tempo.

 

10 – Poche settimane fa è stato pubblicato il vostro primo video (“A Good Start /What a Lucky Day”). Nel video tutta la band muore combattendo contro un esercito di zombie. C’è una metafora o si tratta solo di un’idea divertente? 

Stefan: Ho avuto l’idea di girare un video in cui noi cantavamo e nello stesso tempo uccidevamo zombies. Quasi come un musical. Allora ho cercato un modo per ottenere lo stesso “mood” dell’album, e credo di esserci riuscito. Potrebbe trattarsi dello stesso mondo post-apocalittico che Cora e Jareth hanno abbandonato… chissà? (sorride)

 

11 – Siamo in attesa di potervi ammirare dal vivo. Compatibilmente con la situazione pandemica, avete in programma un tour europeo? Avete già pensato a date in Italia?

Daniel: E’ difficile programmare un tour, così come anche singoli concerti in questo periodo. Abbiamo un appuntamento per un festival in Germania (l’Art Rock Festival), che è stato spostato da Aprile ad Agosto del prossimo anno. Ma ci piacerebbe davvero molto poter suonare in più posti in Europa, e ovviamente in Italia! Sono stato in uno splendido festival a Veruno (2Days Prog +1 – ndr) (dove ci siamo incontrati) per vedere I King’s X, che purtroppo hanno poi cancellato il loro tour. Ma sono stato benissimo e ho fatto nuove amicizie, così spero che potremo suonare lì la prossima volta! Un episodio divertente, e un po’ imbarazzante accaduto durante quel festival, riguarda il momento in cui ho incontrato John Mitchell. Gli sono stato presentato da Octavia Brown, una delle organizzatrici del festival. In quel momento io non mi sono reso conto di chi fosse, cosa che è davvero imbarazzante. Così semplicemente gli ho stretto la mano e gli ho detto “Hi”. In seguito ho scoperto il progetto Frost*, che considero brillante, e ho pensato che quel tipo avesse un’aria familiare… e mi sono reso conto l’avevo incontrato e che è anche membro degli It Bites! Così, in retrospettiva, sono rimasto un po’…abbagliato da quella Stella! Gli ho mandato anche un messaggio su messenger per scusarmi! (Ride).

 

12 – Tutti noi non vediamo l’ora di ascoltare il “secondo capitolo” della vostra storia. Avete già iniziato a pensarci?

Sam: Sì! Abbiamo così tante canzoni ed idee che è arduo per noi scegliere tra tutte! Ma siamo ben avviati per il capitolo 2, e pensiamo sarà grandioso!

Daniel: Sì, e penso che possiamo anche promettervi una sorpresa per questo Natale….

 

Ringraziamo la band per la divertente e coinvolgente intervista e, in attesa di ulteriori aggiornamenti sulla sorpresa natalizia, vi lasciamo QUI il link alla loro pagina Spotify.




Commenti

Click here to connect!